giovedì, Agosto 6

Corea del Sud, confermate le accuse di corruzione per Park Geun-hye

0

La Presidente sudcoreana Park Geun-hye, è stata rimossa dal suo incarico e il Paese dovrà avviarsi verso nuove elezioni entro 60 giorni. L’impeachment, provocato da uno scandalo che ha coinvolto Geun-hye in un caso di corruzione, è culminato nella sentenza, approvata all’unanimità, della Corte Suprema coreana che ne ha costretto le dimissioni. La fine del suo incarico politico – e dell’immunità che esso garantiva – potrebbe portare il caso di Park Geun-hye a conseguenze ben peggiori.

A provocare il caso è stata l’amicizia tra Park e Choi Soon-sil. Quest’ultima avrebbe approfittato dei rapporti con la Presidente per ottenere donazioni alle sue fondazioni e organizzazioni. Park sarebbe inoltre accusata di aver fornito a Choi l’accesso a documenti ufficiali governativi. L’impeachment era in corso da Dicembre. Gli otti giudici della Corte hanno infine confermato le accuse e la condanna: «[le azioni della Presidente]hanno indebolito lo spirito della democrazia e della ‘rule of law‘».

Le reazioni popolari sono state discordanti: da un lato migliaia di dimostranti hanno festeggiato il provvedimento giudiziario a Seul. Dall’altra vi sono state delle proteste e scontri con la Polizia fuori dal tribunale. Due i morti, uno dei quali è caduto da un autobus che aveva scavalcato.

Video tratto dal canale youtube di ‘BBC News

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.