lunedì, Gennaio 21

Corea del Nord: video choc contro gli Usa

0

La Corea del Nord torna a lanciare messaggi molto chiari agli Usa. Pubblicato un nuovo video di propaganda per esaltare le proprie truppe e nel mirino finiscono aerei e navi made in Usa. A pubblicare il video è Uriminzokkiri, il principale mezzo di propaganda del Paese, che ha postato la clip sul suo sito web.

Nel mirino ci sono i mezzi americani, che recentemente nell’area hanno dato vita a manovre militari congiunte con la Corea del Sud che Pyongyang ha definito come la prova generale di un possibile attacco ai vertici del regime e di un’eventuale invasione del Paese. Ad attaccarle la stessa propaganda, che le definisce come «spacciate come difensive, ma che in realtà hanno come unico obiettivo quello di decapitare la leadership nordcoreana e che, dunque, possono essere equiparate a una dichiarazione di guerra».

Ebbene le immagini sono proprio riguardanti queste esercitazioni e in particolare si vedono mezzi Usa distrutti, con una grafica piuttosto inverosimile, da attacchi della Corea del Nord. «Un coltello verrà spinto nella gola della portaerei, il bombardiere cadrà dal cielo dopo essere stato colpito da una pioggia di fuoco. Ogni tentativo porterà soltanto all’annientamento degli Stati Uniti», dice la voce narrante.

Si tratta solo dell’ennesimo guanto di sfida della Corea del Nord agli Usa. Il mese scorso, in un comunicato diramato dal dicastero degli Affari esteri, Kim Jong-Un aveva fatto sapere che «l’esercito di Pyongyang ridurrà in cenere con i suoi potenti missili gli aggressori e i provocatori e difenderà in modo affidabile la sicurezza del Paese e la felicità del suo popolo nel caso in cui gli Stati Uniti e le forze fantoccio della Corea del Sud sparassero un solo proiettile nel territorio nordcoreano». E solo qualche giorno fa era anche arrivato un messaggio americano, firmato dal segretario di Stato Rex Tillerson, in visita in Asia, che aveva definito al limite la pazienza di Washington nei confronti della Corea del Nord, non escludendo l’opzione militare tra le ipotesi al vaglio qualora Pyongyang continuasse a sviluppare i propri programmi nucleari.

(video tratti dai canali Youtube di EASY NEWS e Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.