sabato, Ottobre 24

Corea del Nord: possibili scenari in caso di conflitto nella penisola Soluzione? Un compromesso sul riconoscimento della consistenza nucleare di Pyongyang e il congelamento dell’attuale situazione

0
1 2


Dopo numerosi innalzamenti della tensione nella penisola coreana e altrettanti tentativi di de-escalation della crisi, si potrebbe, prima o poi, anche giungere allo scontro militare tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti e i suoi alleati (Corea del Sud e Giappone). Si tratterebbe di uno scontro che potrebbe includere anche l’uso delle armi nucleari, batteriologiche e chimiche. Uno scenario davvero spaventoso se non si dovesse perseguire la via diplomatica nella soluzione della crisi.

Probabilmente un compromesso sul riconoscimento della consistenza nucleare di Pyongyang e il congelamento dell’attuale situazione potrebbe essere una delle soluzioni praticabili.

La difesa della Corea del Nord è affidata all’Armata Popolare di Corea, che si divide in cinque branche: esercito, marina, aeronautica, forze missilistiche strategiche e forze speciali. Le forze armate contano più di un milione di soldati in servizio attivo e circa 6 milioni di riservisti e paramilitari. Circa 180.000 soldati fanno parte delle Forze Speciali. Il servizio militare è obbligatorio e ha inizio a 17 anni per una durata di circa dieci anni. Dopo il congedo, gli uomini sono sottoposti a periodi di richiamo, fino all’età di 60 anni.

La maggior parte dell’arsenale nordcoreano è obsoleto e risale agli anni sessanta, ma le sue forze imponenti potrebbero rivelarsi temibili e non vanno sottovalutate affatto. Si pensa che la Corea del Nord abbia circa 5.000 tonnellate di armi chimiche. La Corea del Nord ha investito molto nella sua forza missilistica balistica e nucleare come forza di deterrenza. Dispone già di ordigni nucleari e non ha alcuna intenzione di fermare il proprio programma missilistico.

In caso di scontri militari di ampia portata, sarebbe palese l’inferiorità dei mezzi e dell’addestramento delle forze armate di Pyongyang nei confronti degli equipaggiamenti ultramoderni delle truppe sudcoreane e americane. La Corea del Nord ha probabilmente circa 1.000 missili balistici di vario tipo. La maggior parte di questi a corto raggio, in grado però di raggiungere qualsiasi punto della Corea del Sud. Pyongyang ha effettuato di recente il suo sesto test nucleare annunciando di essere in grado di montare una bomba all’idrogeno su un missile balistico internazionale. Alla fine del mese di agosto, ha effettuato anche un test missilistico sorvolando lo spazio aereo giapponese, raggiungendo un’altezza di 550 km e una distanza di 2.700 km.

L’esercito sudcoreano è diventato una delle forze militari più avanzate, addestrate e attrezzate del mondo figurando all’11° posto in termini di forza militare, secondo il sito Global Firepower, che fornisce valutazioni annuali sulle capacità di guerra dei Paesi.

Per contrastare l’esercito nordcoreano la Corea del Sud ha imposto a tutti gli uomini di prestare servizio militare per almeno due anni. Le forze armate della Corea del Sud sono circa la metà di quelle del Nord, 625.000 soldati in servizio attivo e 3.100.000 nella riserva. Il Pentagono ha più di 73.000 uomini dispiegati in Giappone e Corea del Sud e migliaia nel Comando USA del Pacifico.

Una guerra nella penisola coreana al momento appare IMPROBABILE ma se per un motivo o per un altro dovesse esserci è difficile prevedere (senza una sfera di cristallo) quali scenari di guerra potrebbero verificarsi. Tra i molti scenari ipotetici questi potrebbero essere quelli possibili.

La guerra potrebbe iniziare in diversi modi, nel primo scenario, gli Stati Uniti potrebbero impegnarsi in un attacco preventivo dopo un lancio missilistico giudicato allarmante/pericoloso per la propria difesa e quella dei suoi alleati. La Corea del Sud ha riportato questa settimana che Pyongyang potrebbe testare un altro missile balistico intercontinentale entro pochi giorni. Uno strike militare americano limitato ed efficace ma senza un attacco in larga scala, probabilmente, non funzionerebbe.

Non si conosce, naturalmente come gli Stati Uniti colpirebbero la Corea del Nord ma secondo alcune speculazioni, da parte di analisti, dovrebbe essere un grande attacco a sorpresa per ridurre al minimo il potenziale di rappresaglia.

Le sedi delle forze navali e aeronautiche della Corea del Nord sono relativamente facili da colpire, ma secondo un rapporto del Pentagono del 2015, nel paese ci sono centinaia di lanciatori mobili di missili, difficili da individuare. Il Dipartimento di Difesa degli Stati Uniti ritiene che i lanciatori missilistici mobili sarebbero in grado di lanciare missili per colpire siti in Corea del Sud e Giappone.

Qualsiasi attacco alla Corea del Nord potrebbe scatenare una rappresaglia massiccia con enormi bombardamenti di artiglieria su Seoul, anche con armi chimiche biologiche (in extrema ratio potrebbe usare anche il nucleare se la sconfitta apparisse inevitabile).

L’operazione di attacco americana utilizzerebbe probabilmente diverse strategie per neutralizzare le capacità difensive e controffensive della Corea del Nord.

Per contrastare le capacità di difesa missilistiche della Corea del Nord, oltre all’utilizzo di attacchi cibernetici e di guerra elettronica, gli Stealth americani F-22, F-35 e B-2 condurrebbero una campagna aerea probabilmente con l’aiuto dei caccia F-15 o F-16 sudcoreani e giapponesi. Potrebbero essere usati anche i velivoli senza pilota per limitare il rischio di perdita dei i piloti.

Secondo Jerry Hendrix, ex ufficiale della marina USA e senior fellow al ‘Center for New American Security’, è probabile che gli Stati Uniti spostino altri aerei nella regione in caso di un attacco imminente, mantenendo anche le due principali basi aeree in Corea del Sud a Osan, con caccia F-16 e A-10 ‘killer di carri armati’, e a Kunsan, con F- 16s.

Naturalmente verrebbe utilizzata anche la potenza aerea pesante di stanza a Guam nel Pacifico, dove ruotano i bombardieri B-1, B-2 e B-52.

Mentre gli Stati Uniti e gli aerei alleati colpirebbero obiettivi prioritari dal cielo, le navi da guerra americane lancerebbero un bombardamento di missili Tomahawk concentrandoli sui siti di missili nordcoreani, sistemi di difesa aerea e postazioni da dove potrebbero essere lanciati attacchi nucleari in ritorsione.

La Marina americana dispone di 10 incrociatori missilistici e cacciatorpediniere di stanza in Giappone. Le navi sono armate con missili Tomahawk per scopi offensivi, il sistema di difesa missilistico ‘Aegis’ potrebbe essere utilizzato per intercettare i lanci della Corea del Nord.

Secondo Carl Schuster, ex direttore delle operazioni presso il centro intelligence interforze del Comando americano del Pacifico, gli Stati Uniti dovrebbero assicurarsi di avere abbastanza bombe, missili e aerei per la guerra elettronica per riuscire a distruggere o disattivare le difese aeree della Corea del Nord prima di impiegare i bombardieri pesanti, probabilmente B-1 situati a Guam, necessari per colpire i siti di armi nucleari fortificati della Corea del Nord.

Gli Stati Uniti avrebbero bisogno, oltre alla logistica per rifornire le forze con armamenti, carburante e personale, anche di ulteriori navi e sommergibili armati di missili da crociera, e un maggior numero di bombardieri della Air Force, che potrebbero operare da basi in Giappone o a Guam.

Nelle successive ondate della campagna, le forze terrestri entrerebbero in scena. La Corea del Nord disporrebbe di dozzine di basi sotterranee contenenti materiali nucleari – il che significa che localizzarli e neutralizzarli potrebbe richiedere tempo.

Il secondo scenario possibile potrebbe essere quello in cui la Corea del Nord inizia un’azione militare perché ha sentore di un imminente attacco da parte degli che gli Stati Uniti (una massiccia mobilitazione militare americana e degli alleati non può essere nascosta facilmente). Pyongyang potrebbe attaccare preventivamente per difendersi da quello che teme possa essere un’invasione su vasta scala, utilizzando armi che Pyongyang altrimenti teme di perdere negli attacchi aerei USA.

L’obiettivo della Corea del Nord potrebbe essere quello di occupare il più possibile la penisola prima che gli Stati Uniti possano inviare rinforzi. Nel primo giorno dell’invasione i nordcoreani probabilmente colpirebbero le basi aeree americane e sudcoreane, oltre ad utilizzare attacchi cibernetici contro i centri nevralgici di Seoul e dei suoi alleati.

Secondo speculazioni, la Corea del Nord potrebbe schierare rapidamente truppe dietro i campi minati che separano le due Coree utilizzando diversi tunnel probabilmente scavati sotto la Zona Demilitarizzata (DMZ).

Militarytimes riporta che il primo tunnel scoperto dalla Corea del Sud, a ridosso della DMZ avrebbe consentito lo schieramento di 20.000 soldati l’ora.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Country analyst think tank “Il Nodo di Gordio”