martedì, Aprile 7

Congo: ebola, inizia la campagna vaccini 4mila dosi di vaccino sarebbero già state inviate nella zona di Mbamndaka city

0

E’ iniziata oggi la campagna di vaccinazioni per contrastare il virus ebola che sta tornando nella Repubblica Democratica del Congo. 4mila dosi di vaccino sarebbero già state inviate nella zona di Mbamndaka city, dove è scoppiato il primo focolaio del virus. A Mbamndaka city, città di oltre un milione di abitanti, sono stati registrati almeno quattro nuovi casi

E’ già stato creato un reparto attrezzato nell’ospedale di Wangata. «Abbiamo riogranizzato l’edificio in osservanza del protocollo internazionale per assicurarci che non ci fossero contaminazioni tra staff e pazienti, dal momento che quelli che arrivano qui possono essere sia casi già sospetti che casi confermati in seguito» ha detto il direttore della struttura, il dotttor Mazibu Hilaire. 

L’ allarme nella Repubblica Democratica del Congo è scattata martedì 8 maggio, dopo i primi due casi accertati. Ma, secondo l’OMS, il virus Ebola avrebbe già ucciso almeno 25 persone nella regione dall’inizio di aprile.

E’ la nona volta che il Paese viene colpito da questo virus.  Il ministro della Sanità, Oly Ilunga ha detto che è stata schierata una squadra di 12 esperti a Bandaka per far fronte all’emergenza e per accertare l’origine del nuovo focolaio.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore