giovedì, Luglio 18

Concorso per l’insegnamento 2019: come prendere i 24 cfu per abilitarsi Ottenere un posto da insegnante nella scuola italiana è il desiderio di molti e per farlo bisogna superare il concorso per l’insegnamento 2019

0

Va detto che per potersi candidare bisogna disporre dei titoli di studio richiesti, requisito fondamentale per poter aspirare ad ottenere la cattedra. 

Un elemento che non deve assolutamente mancare sono i 24 CFU/CFA, che necessitano di essere acquisiti prima di prendere parte al concorso. Non tutti sanno che la metà di questi crediti può essere ottenuta anche seguendo dei corsi specifici organizzati dalle università online riconosciute e che dunque si può sfruttare la formazione a distanza per ottenere i crediti formativi.

Come ottenere i 24 CFU/CFA?

Per capire come ottenere questi crediti e quali sono gli istituti accreditati è utile fare riferimento al decreto ministeriale 616/17, norma da tenere a mente per non commettere errori prima di partecipare al concorso per insegnanti.

I crediti devono essere acquisiti in ambito antropologico, psicologico o pedagogico e ci sono diverse strade per ottenerli. Innanzitutto, è possibile chiedere che questi crediti vengano riconosciuti se nella propria carriera universitaria si sono sostenuti degli esami curriculari inerenti agli ambiti descritti, oppure se sono stati portati a termine dei corsi di specializzazione o dei master idonei.

L’alternativa è chiedere di fare un ulteriore semestre prima della laurea, così da poter integrare il proprio percorso con gli esami necessari per ottenere questi crediti. Il semestre aggiuntivo non peserà economicamente, perché non prevederà dei costi extra per chi non ha ancora ottenuto la laurea.

Un’altra strada che si può seguire è iscriversi a dei corsi appositi organizzati da enti e da atenei certificati e accreditati. L’aspetto interessante è che si può sfruttare anche lo strumento della formazione a distanza per ottenere questi crediti, iscrivendosi ad esempio ai corsi organizzati dall’Università Niccolò Cusano.

Quanto costa acquisire questi crediti formativi?

L’aspetto economico riveste sempre la sua importanza, infatti tutti si chiedono quanto sia necessario spendere per acquisire questi crediti formativi prima di iscriversi al concorso per l’insegnamento di quest’anno.

Come abbiamo spiegato in precedenza, coloro che non hanno ancora concluso la laurea possono o decidere di inserire nel percorso di studi degli esami facoltativi appartenenti ai settori descritti, oppure possono chiedere di fare un semestre aggiuntivo per aggiungere gli esami necessari al conseguimento dei crediti. In entrambi questi casi non ci saranno dei costi extra.

Nel caso invece dell’iscrizione ad un corso apposito, il costo può raggiungere una cifra massima di 500 euro. La cifra indicata è appunto il tetto massimo, in realtà ci sono diverse agevolazioni di cui è possibile godere, in particolare sono disponibili delle riduzioni del costo sulla base del reddito annuale percepito.

Sebbene il costo ad alcuni possa sembrare elevato, va detto che per poter partecipare al concorso è indispensabile avere i 24 crediti formativi indicati e che l’unica strada per acquisirli. Scegliendo di usufruire dei corsi delle università telematiche sarà possibile acquisire i crediti – in parte o totalmente – con la formazione a distanza, potendo così gestire meglio il tempo a disposizione e gli impegni da onorare.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore