sabato, Dicembre 7

Come vendere prodotti online con il dropshipping Il dropshipping consente di vendere prodotti senza possederli realmente: questa sua principale caratteristica è anche il suo più importante vantaggio, dal quale derivano numerosi benefici

0

Vendere prodotti online è, al giorno d’oggi, molto conveniente: sono infatti sempre di più le persone che fanno acquisti su internet, sia da computer che da smartphone o altri dispositivi.

Un numero di persone sempre più ampio, sta iniziando a capire che gli acquisti in rete possono essere molto sicuri e vantaggiosi.

Del resto la comodità di acquistare da casa o ovunque ci si trovi, senza doversi recare per forza in un negozio, è impagabile. Inoltre, alcuni negozi online spesso sono tra i pochi esercizi commerciali a possedere uno specifico oggetto desiderato, specialmente se si tratta di merci poco popolari o prodotti di nicchia.

In ragione del successo che stanno avendo gli acquisti online, crescono anche i siti e i venditori che offrono i loro prodotti in rete.

Ma, se un aspirante venditore volesse intraprendere anch’egli la strada dello shop online, quali tipi di prodotti gli converrebbe vendere?

In merito ai prodotti da vendere online (di elettronica, di informatica, di abbigliamento, giocattoli, cosmetici, integratori, cibo, articoli sportivi o qualunque altra categoria merceologica) buona norma è quella di creare uno store che non offra tanti diversi tipi di oggetti, e quindi che non sia troppo generico.

Infatti, se un negozio virtuale è troppo generico il suo venditore avrebbe basse probabilità di successo, perché un utente che non sa esattamente cosa offre quel negozio online, il più delle volte preferisce andare su un altro sito dove avrà più chance di trovare quello che cerca, o qualcosa che più si avvicina all’oggetto desiderato.

Pertanto è meglio specializzarsi su uno specifico settore, e solo su quello, allo scopo di avere più possibilità di trovare i clienti e fidelizzarli.

Esistono modi diversi per poter vendere prodotti online, ed uno dei migliori è sicuramente il dropshipping, dal momento che può offrire numerosi vantaggi interessanti. Per maggiori informazioni, invitiamo a proseguire nella lettura del presente articolo, a cominciare dal prossimo paragrafo.

 

Dropshipping: di cosa si tratta?

Il dropshipping consente di vendere prodotti senza possederli realmente: questa sua principale caratteristica è anche il suo più importante vantaggio, dal quale derivano numerosi benefici.

Il dropshipping è un sistema di recente concezione, che per il fatto di permettere di vendere online senza possedere realmente gli oggetti venduti, offre molti benefit.

Infatti, per vendere in dropshipping:

  • Non è necessario effettuare alti investimenti;
  • Non occorre possedere un magazzino;
  • Non ci si deve occupare dello stoccaggio delle merci;
  • Non bisogna fare l’inventario;
  • Non bisogna occuparsi di imballaggi e spedizioni.

Ma come è possibile ciò? Il tutto è reso fattibile grazie ad un meccanismo che permette di vendere i prodotti di altri store online, che in questo caso possiamo definire ‘fornitori‘.

Ciascun fornitore viene aiutato a vendere più in fretta i prodotti presenti nel suo magazzino, ed in compenso il venditore in dropshipping guadagna una commissione per ogni vendita che riesce ad effettuare.

Il dropshipper (venditore in dropshipping) dispone di un suo negozio online, attraverso un apposito sito web a cui i clienti possono accedere. In questo store virtuale mette in vendita i prodotti di determinati fornitori a cui decide di affidarsi.

Il cliente che si reca nel negozio in dropshipping, può effettuare l’acquisto di uno dei prodotti proposti, facendo una ricerca per trovare ciò che desidera. Ad acquisto avvenuto, verranno avvisati sia il dropshipper che il fornitore. Quest’ultimo provvederà, nel giro di qualche ora o qualche giorno, a imballare il prodotto acquistato, e a spedirlo nel luogo indicato dal cliente.

Il venditore in dropshipping, non dovendo occuparsi di imballaggio, spedizione, magazzino, inventario e quant’altro ha più tempo da dedicare a selezionare eventuali nuovi oggetti da vendere, e a fare pubblicità al suo negozio virtuale per incrementare le vendite.

L’apertura di un’attività commerciale in dropshipping può essere molto semplice, se ci si affida ai servizi messi a disposizione da piattaforme specializzate affidabili.

 

Caratteristiche delle piattaforme di dropshipping

Le piattaforme che si occupano di dropshipping aiutano i venditori nella loro attività di vendita, grazie ai vari servizi che mettono a disposizione.

Le piattaforme che consentono di vendere in dropshipping, aiutano i dropshipper a svolgere al meglio il proprio lavoro, semplificando anche le procedure più complesse, come ad esempio la scelta dei fornitori dai quali “importare” i prodotti da aggiungere al proprio negozio online.

Ogni piattaforma di dropshipping è raggiungibile attraverso uno specifico indirizzo internet, e dispone di un sito che consente agli utenti di interfacciarsi per poter aprire uno store online, o di gestirlo.

Di norma, i siti delle piattaforme di dropshipping offrono numerosi servizi utili per il venditore. Ad esempio, oltre alla funzione che permette di scegliere i prodotti da mettere in vendita, in genere hanno anche uno spazio per consultare il totale dei guadagni accumulati dalle vendite fatte in un determinato periodo. Inoltre, consentono anche di scegliere il prezzo per ciascun tipo di prodotto messo in vendita.

Ciascuna piattaforma di dropshipping può avere anche degli articoli informativi, cioè delle guide che aiutano a capire come aprire e gestire un negozio online attraverso quella specifica piattaforma.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore