giovedì, Ottobre 29

Come si usa l’olio di CBD e i cristalli: tutti i particolari dalla A alla Z Le loro modalità di impiego sono ancora un mistero insoluto? Ecco alcune info utili

0

Sei alla ricerca di notizie affidabili che ti permettano di vedere con maggiore chiarezza le modalità di impiego di olio CBD e cristalli di CBD? Come usarli per te è ancora un mistero insoluto a cui vuoi dare risposte inopinabili?

Non sei una persona che preferisce rivolgersi alla via farmacologica e invece opta per risposte naturali ed un approccio olistico? Questo post fa per te! Abbiamo radunato tutte le info utili affinchè ti sia aperta l’opportunità di valicare un mondo finora inesplorato per te, in cui la natura e i suoi frutti si pongono al servizio del tuo benessere.

Come si usa l’olio di CBD

Il più delle volte, sul web si acquisiscono notizie talvolta contraddittorie e fuorvianti, e sovente una cernita di fonti attendibili che non siano confusionarie è pressochè impossibile.

Senza procrastinare oltre veniamo subito al nocciolo della questione.

Puoi usarlo in mille maniere differenti. Concentrato in poche gocce da ingoiare, per conciliare il sonno, per trovare un po’ di respiro quando hai dolori persistenti, quando avverti malesseri.

In alternativa potresti decidere di diluirlo nella tua bevanda preferita o aggiungere qualche goccia agli unguenti che usi sul tuo corpo per ammorbidire e nutrire la pelle.

Potresti anche integrare al liquido che usi da svapare, per dare un aroma gradevole o per ridurre l’assunzione di nicotina nel tuo organismo.

Corporatura, tolleranza e condizioni generali diverse ovviamente reagiranno in maniera differente. Per tale ragione è consigliabile iniziare con una o due gocce alla volta e aumentare un po’ il dosaggio dopo una settimana, fino a ottenere i risultati sperati.

Sebbene sia organico e naturale, non bisogna tuttavia mai sottovalutare l’importanza di ricorrere al proprio medico curante, per eventuali consigli e pareri, sulla propria salute. Ricordiamo inoltre che l’olio non è un medicinale nè rappresenta la panacea o un farmaco curativo ma piuttosto un integratore.

Cristalli di CBD: come usarli adeguatamente

Un discorso a parte lo meritano i cristalli CBD dal momento che sono sostanze purissime e dunque concentrate al 100 per cento e vanno assunte con cautela.

La loro natura pura richiede che, se non si è mai assunto CBD, sia meglio iniziare con altri costituenti a base di cannabinoidi.

Da principiante, dopo aver testato le reazioni con olio o creme, si può allora passare molto meticolosamente e cautamente a usare i cristalli. Consistono in micro molecole che puoi far dissolvere nelle bevande, nel bicchiere d’acqua. La loro diluizione è rapida e richiede circa un minuto e mezzo.

Qualche notizia in più sul CBD

Se non ti senti ancora ferrato in materia, ti potrebbe essere sufficiente sapere che il CBD deriva da una pianta e questo ne spiega la sua natura organica e la assenza di organismi geneticamente modificati.

Ma non si può assolutamente tralasciare che questa sostanza assicura una serie di benefici che incrementano il tuo livello di benessere, e che non a torto attirano interesse sempre maggiore da parte di persone comuni e esperti del mondo scientifico.

Estratto secondo metodi sicuri e validi, è il prodotto che non dovrebbe mai mancare nella tua borsa, sulla tua scrivania, nella tua valigia: tienilo sempre con te.

Conclusioni finali, per rinfrescare le idee

Dopo aver percorso le righe di questa lettura descrittiva sul CBD, e avendo la rassicurazione sulla attendibilità delle informazioni in essa contenute, sai che anche tu puoi iniziare a usare CBD con giudizio e responsabilità.

Attenendoti alle dosi consigliate, ti renderai presto conto di tutti i vantaggi che possono scaturire dal suo utilizzo e da quanto la tua vita potrà aumentare in termini di qualità, di crescita del benessere e di riduzione dei quotidiani piccoli malesseri a cui ciascun individuo deve prima o poi far fronte.

Mal di testa, dolori alla schiena, indolenzimenti di varia natura, pressioni psicologiche, stress e ansia, depressione e insonnia, infiammazioni, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, cancro e molto altro possono diventare un ricordo di cui sbarazzarti per sempre, facendo ricorso ai prodotti giusti.

Poche semplici accortezze di cui tener conto e il rispetto del giusto dosaggio faranno di te una persona felice, che non deve più combattere quotidianamente con stati d’animo pesanti o con sintomi che rischiano di rovinare ogni tua giornata.

L’ora di cambiare è arrivata anche per te, volta pagina e vivi al meglio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore