mercoledì, Luglio 24

Come scegliere un mazzo di carte francesi Ecco alcune indicazioni generali per la scelta del mazzo migliore

0

Prima di iniziare a giocare a poker è utile avere alcune indicazioni sulle carte che bisogna utilizzare ed alcuni consigli per scegliere il mazzo migliore. Innanzitutto, la prima informazione da avere è che per questo gioco si usano le carte francesi, dunque da qui deriva la necessità di capire come scegliere un mazzo di carte francesi.

In questo articolo cercheremo di dare alcune linee guida generali ed alcuni consigli per la scelta del mazzo di carte da poker. Per una guida più completa consigliamo di leggere quanto scritto su https://pokerforlife.it/, la cui redazione si è occupata nello specifico di questo argomento, realizzando una delle migliori guide che si possono trovare in rete. Vediamo comunque alcune indicazioni generali per la scelta del mazzo di carte francesi.

I diversi mazzi in commercio differiscono tra loro per il materiale che viene scelto per la realizzazione delle carte. Lo stesso materiale costituisce dunque uno degli elementi di scelta, perché materiali diversi offrono benefici diversi. Al giorno d’oggi i mazzi più acquistati sono quelli costituiti dalle carte realizzate in PVC. Questo materiale è il preferito perché ha dimostrato di essere il più resistente ed in particolare è ritenuto quello più adatto da coloro che giocano a Texas Hold’em.

C’è anche un altro elemento che viene preso in considerazione al momento della scelta del mazzo di carte. Questo elemento è la dimensione del valore impresso sulle carte. In commercio si trovano innanzitutto dei mazzi con dimensioni standard – che sono ovviamente i mazzi più diffusi ed acquistati – ma si possono reperire anche dei mazzi con valori di dimensioni maggiori o minori, da acquistare in base alle proprie esigenze.

Oltre a valutare le dimensioni del valore, è utile controllare anche il numero di angoli sui quali il valore è riportato. In Europa sono molto più diffuse le carte definite 4 pips, ovvero quelle in cui il valore della singola carta è riportato in tutti e quattro gli angoli della stessa. In America sono invece più diffuse le carte 2 pips, nelle quali il valore della singola carta si può leggere solo in due dei quattro angoli.

Per concludere segnaliamo che non tutti i mazzi di carte francesi sono pensati per essere utilizzati nel corso delle partite. Sono in molti a collezionare carte e dunque è proprio per i collezionisti che sono ideati alcuni mazzi particolari.

Un mazzo da gioco, infatti, deve consentire di leggere rapidamente il valore, deve essere comodo da utilizzare, le stampe sulle carte devono essere chiare e subito associabili al valore della singola carta. In commercio si possono reperire anche dei mazzi con stampe particolari, molto belle da vedere e da possedere, ma sicuramente non idonee per fare una partita.

Lo stesso si può dire per le carte trasparenti, che hanno riscosso grande successo in tutto il mondo, ma che non sono la scelta migliore per giocare, dal momento che gli avversari possono carpire informazioni sulle mani degli altri giocatori, alterando in questo modo il corretto svolgimento della partita. Nonostante questo, un mazzo di carte francesi trasparenti non può mancare nella collezione personale degli amanti del poker.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore