venerdì, Novembre 15

Coca Cola Light: 4 nuovi gusti, ecco le reazioni del pubblico Annunciati il 10 gennaio 2018 dai portavoce della multinazionale, saranno distinguibili dal colore della lattina

0

Da quando è arrivata nel 1983 sugli scaffali dei supermercati, la Coca Cola Light, conosciuta anche come Diet Coke, ha consentito a diversi milioni di consumatori di godere di una bibita rinfrescante, pur avendo problemi di salute o di sovrappeso. La novità che è stata sottoposta già ad alcuni consumatori prevederebbe quattro diversi gusti della Coca Cola Light.

Annunciati il 10 gennaio 2018 dai portavoce della multinazionale, saranno distinguibili dal colore della lattina: verde per la Ginger Lime, viola per la Feisty Cherry, giallo per la Twisted Mango e arancione per la Zeist Blood Orange. In questi gusti il dolcificante è l’acesulfato di potassio, o Ace-K, scelto da Coca-Cola per attenuare il sapore aspro della frutta. La nuova Diet Coke dovrebbe essere venduta in confezioni singole da 350 ml.

Stando alle reazioni di chi le ha provate in anteprima, è difficile stabilire in pieno inverno quanto siano piacevoli. «No, è terribile. Il retrogusto: ha solo un sapore finto» dice Ruben assaggiando la Diet Coke Ginger Lime. «Penso che sia una specie di composto chimico» dice assaggiando la Diet Coke Twisted Mango.

Molti si chiederanno quando arriveranno in Italia. Ancora difficile dire se e quando anche i consumatori italiani potranno assaggiarla. Probabilmente, molto dipenderà anche dalle reazioni del pubblico americano.

 

(Video tratto dal canale Youtube Bussiness Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore