mercoledì, Ottobre 16

Cinque ‘attrezzi’ del mestiere delle escort 4.0 Ecco quali sono gli elementi che non possono mancare nell’esercizio della professione più antica del mondo

0

Ogni professione ha i suoi strumenti di lavoro. Il carpentiere chiodi e martello, il cuoco i suoi coltelli, il giornalista penna e taccuino. Anche le escort hanno i loro strumenti del mestiere. Sono cinque gli elementi che non possono mancare nell’esercizio della professione più antica del mondo

Questo è quello che si può notare leggendo le recensioni online sui diversi siti dove gli appassionati del settore si scambiano informazioni sulle sex worker. La maggioranza, infatti, quando questi particolari sono presenti, indicano che l’esperienza risulta migliore e più coinvolgente.

I preservativi: sicurezza per tutti i gusti (e dimensioni)

Che ad usarli sia il cliente oppure il Trans ‘ingaggiato’ per passare una piacevole ora senza pensieri, al primo posto senz’altro ci sono i preservativi, garanti di sicurezza su più fronti per entrambe le parti. Ne esistono di diversi materiali, per adattarsi alle allergie, gusti anche per i palati più sopraffini e griffe. Da Hello Kitty a Louis Vuitton, dal mentolo al bacon, con forme originali o dai colori ‘spaziali’ capaci di illuminarsi al buio, proprio come delle spade laser…

I sex toy: per sperimentare nuove emozioni o convincere anche i più timidi

Dal classico vibratore dalla classica forma fallica o dalle fattezze a volte mostruose, al kit sadomaso, dalle cinture con membri incorporati, ai lubrificanti dai vari benefici, dall’eccitante al ritardante, qualche sorpresa non deve mai mancare, soprattutto quando la situazione rimane… troppo floscia. 

Lingerie: l’abito che non fa la ‘monaca’

Tanga, perizoma, brasiliana o mutandone della nonna? E’ indubbio come la sensualità parta da un completo intimo adatto, più che da un nudo integrale. Pizzo, latex, costumi per giochi di ruolo, l’armadio di una escort deve essere fornito se vuole offrire al cliente una gamma di esperienze variegate e mai banali. 

Il luogo: confort, discrezione e superfici comode

Anche il luogo dell’incontro vuole la sua parte e deve essere fornito di più ‘superfici’, che oltre al classico letto, possano stuzzicare le fantasie degli ‘avventori’. Appartato e con pochi vicini curiosi, spesso in hotel, il posto dove si consuma l’amplesso su commissione deve avere caratteristiche particolari, perché i clienti risultano esigenti. 

Ad esempio? Leggendo i commenti su Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa, emerge che la lamentela più diffusa è legata alla mancanza di aria condizionata o di ambienti non riscaldati adeguatamente, oltre ai voti negativi conferiti per la mancanza di privacy. 

Computer o smartphone: la prostituzione di ultima generazione

Tra gli attrezzi del mestiere della sex worker di professione, non possono mancare computer e smartphone: ormai anche questo tipo di mercato si è spostato on line. Un esempio è il sito Escort Advisor, già citato. Ogni escort può creare un suo profilo sul portale per poi essere “scelta” dagli utenti in base alle recensioni degli stessi. Un modo per rendere sicura e trasparente la professione sia per chi fornisce la prestazione, sia per chi la ricerca.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore