domenica, Maggio 26

Cina, ricavi in discesa libera

0

I ricavi delle imprese statali cinesi sono continuati a scendere, dopo le operazioni di ristrutturazione economica fatte quest’anno. Secondo il Ministero delle Finanze, sono state pari a 33 miliardi di yuan le entrate stimate nei primi nove mesi, dall’inizio dell’anno. L’8% in meno rispetto lanno precedente. Dati in crescita, invece, i settori di produzione di energia elettica e dell’industria chimica. Al contrario sono stati registrati ribassi nelle quotazioni di petrolio, materiali da costruzione. In declino anche i profitti derivanti dal mercato del carbone e dell’acciaio. In calo complessivo, dunque, l’intero comparto energetico. In caduta libera anche i prezzi delle materie prime immesse nel mercato internazionale, e quelli legati all’energia. Dai dati ministeriali, grossa attenzione per le passività registrate a fine settembre e date a quota 19.2%. Scesi i costi di gestione del 5.3%. Aumentati, infine, gli oneri finanziari di 10.2 punti percentuali. Gli analisti economici confermano che la situazione del mondo delle imprese non è una delle più felici. Tuttavia, si mostrano segnali di ottimismo di fronte all’aumento complessivo della produttivita delle imprese sul totale dei business.

(Servizio tratto dalla selezione video del canale ‘You Tube’ della emittente televisiva CCTV News)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore