Navigazione: Economia – Italia

Welcome back: 121 aziende tornano in Italia. E’ il fenomeno del Back Reshoring Potrebbe non essere soltanto una moda. Dopo anni passati a delocalizzare, le aziende italiane decidono di riportare le produzioni in Italia. Il richiamo del Made in Italy è più conveniente della manodopera a basso costo
di

Maggiore qualità della manodopera, effetto Made in, meno costi legati a trasporti e logistica e più controlli su tutta la filiera. Caratteristiche che spingono le imprese italiane a tornare. Un'inversione di tendenze di cui l'Italia detiene il primato in Europa ed è seconda al mondo dietro solo agli Stati Uniti. Sono 121 le aziende italiane che, secondo il report 2016 dell'UniClub More BackReshoring, pool di ricerca universitario che dal '97 si occupa di quantificare e analizzare il fenomeno del reshoring, hanno deciso di riportare a casa le proprie produzioni. Sono soprattutto il settore della moda e le produzioni extralusso a beneficiarne.Un dato che però va preso con le dovute precauzioni. Certo è che: abbiamo ancora qualcosa da offrire.
[purchase_link id="268611" text="Acquisto" style="button" color="red"]


Se preferisci non acquistare il singolo PDF ma entrare nella nostra Membership (Memberhip Mensile, Membership Annuale, Membership Semestrale e Membership Trimestrale) utilizza i seguenti bottoni.
Accedi Registrati al Membership
Alitalia: sia Lufhtansa o Air France, il Governo non abbassi la guardia Un accordo serio ed equilibrato, senza pretese irrealizzabili, ma con la consapevolezza che una compagnia aerea ben gestita è uno strumento fondamentale nella generazione della ricchezza di una Nazione
di

Nella consapevolezza che la compagnia è stata gestita male e “resta una considerevole mole di lavoro da fare” prima che qualsiasi potenziale acquirente se ne voglia far carico, che sia tedesco o francese

Banche e tessuto produttivo vittime dello stesso male: la finanza e malainformazione Cos’è successo al sistema bancario italiano, attorno al quale vi è un’asimmetria informativa che va a discapito dei cittadini. Ne parliamo con l’avvocato Serafino di Loreto, fondatore e direttore di Sdl
di

Istruzioni ‘ad bancam’ a Banca d’Italia per agevolare gli istituti di credito, ovvero gli azionisti di quella Banca d’Italia che non è degli italiani bensì delle banche che dovrebbe controllare

Il sistema gas, ‘ponte’ della transizione economica italiana Il Global Gas Report. Interessi e investimenti dell'Italia come hub europeo, tra riconfigurazione strategica delle reti ed equo accesso alla concorrenza
di

Tutte le principali previsioni si aspettano un aumento tra l’1,6% e il 2,2% l’anno. Queste proiezioni prevedono anche che il gas supererà il carbone ponendosi come secondo pilastro fondamentale del mix energetico globale entro il 2035.

Politica energetica e contesto africano. Focus sull’ENI Lo stato della transizione energetica italiana. ‘Presenza’ africana e responsabilità sociale di impresa. Ragioni di attualità della ‘formula Mattei’
di

Nel complesso, il conseguente calo dei prezzi avvenuto nel 2014 non sembra, tuttavia, avere inciso sull’economia mondiale. Minori investimenti e l’aumento costante della domanda avrebbero prodotto un «accorciamento del Mercato petrolifero» dalla fine del 2016.

La Trabant, la fossetta occipitale ed il ritardo del Sud Italia La “ripresina” del Sud Italia alla luce dell’ultimo Rapporto Svimez. Un’analisi storica comparata con i lander orientali dell’ex DDR dopo la caduta del Muro.
di

Negli ultimi mesi due eventi hanno toccato la narrazione che solitamente viene fatta del Sud Italia: il Rapporto Svimez sull’Economia che ha confermato il divario tra il Sud ed il Nord del Paese e i referendum per l’autonomia di Veneto e Lombardia che hanno ribadito quanto quelle differenze non siano temi di grande interesse nazionale.