lunedì, Ottobre 21

Navigazione: Economia – Italia

Alitalia: a che punto è la sua nottata?
di

Una compagnia aerea non è un fiore all’occhiello, ma uno strumento che serve a promuovere le scelte competitive di una nazione e garantirne i flussi dei passeggeri in funzione prima di tutto degli affari e poi anche del turismo. La classe di governo attuale è in grado di recepire queste convenienze?

Automazione: non lasciamoci intimidire dalla libertà
di

Quando tutto sarà automatizzato i soldi saranno diventati superflui, cesseranno di avere una qualsiasi utilità, se non per i collezionisti. Nessuno può morire di fame in un mondo in cui le macchine si occupano di vitto, alloggio, distribuzione, produzione ed erogazione di energia.

Alitalia: possibile che perda sempre?
di

Come mai gli slot sono stati ceduti in cambio di niente alle altre compagnie europee? Come mai i costi di carburante, servizi di bordo e manutenzione sono doppi rispetto alle altre compagnie?

La ‘science diplomacy’ di Mattarella in Argentina
di

L’esportazione del Made in Italy passa anche attraverso la cooperazione scientifica e tecnologica che il nostro Paese porta avanti a livello mondiale. La ‘science diplomacy’ è una componente della diplomazia poco nota ma di grande rilevanza

Dove fuggono i capitali?
di

‘La piazza finanziaria di Londra costituisce il centro più importante del riciclaggio internazionale. Probabilmente la Brexit favorirà questa specializzazione londinese. L’introduzione della regolarizzazione volontaria dei movimenti di capitali ha fatto emergere numerose segnalazioni’

Il ciclo dei rifiuti, un’eterna emergenza italiana
di

‘Il sistema in Italia funziona a singhiozzo laddove non esistono gli impianti di trattamento e/o smaltimento finale. Questo anche a causa della opposizione, non informata, della popolazione’. ‘Siamo ancora ben lontani dal comprendere che il riciclaggio e il recupero sono cruciali per uno sviluppo economico sostenibile’

Legge elettorale: la proposta di YouTrend
di

‘E’ un sistema misto: metà maggioritario, con collegi uninominali, metà proporzionale. La nostra proposta è probabilmente quella che avrebbe più chance di mettere d’accordo una larga maggioranza trasversale’

Globalizzazione fa bene, ma Italia solo 17°
di

La posizione mediana che l’Italia mantiene durante l’intero periodo esaminato (1994-2015), con modeste oscillazioni, cattura bene questa contraddizione: un Paese fortemente vocato al commercio internazionale, ma ancora non capace di sfruttare appieno la sua potenzialità di diventare piattaforma produttiva globale.