sabato, Agosto 8

Catalogna e il piano segreto per dichiarare l’indipendenza dalla Spagna

0

La Catalogna è pronta a lanciare il suo ultimatum al governo di Madrid: o si va alle urne per il referendum o sarà comunque indipendenza. Secondo il quotidiano ‘El Pais‘, il governo regionale catalano, presieduto da Carles Puigdemont, avrebbe preparato la bozza di una legge, tenuta finora segreta, che prevede la dichiarazione unilaterale di indipendenza dalla Spagna anche nel caso in cui non fosse possibile realizzare un referendum concordato con Madrid.

«Non ci fermeremo finchè i catalani non potranno votare per il loro futuro, il futuro politico della Catalogna. E succederà nonostante il governo spagnolo dica no a qualunque cosa. Nonostante tutti gli ostacoli che potremo incontrare dobbiamo portare a termine il nostro mandato», ha detto lo stesso Puigdemont. Secondo la rivelazione del quotidiano, dopo l’approvazione della ‘legge di rottura’ il passo successivo del parlamento catalano sarebbe la formazione di una Assemblea Costituente della ‘Repubblica di Catalogna’.

Il premier spagnolo, Mariano Rajoy, accusa Puidgemont di ricattare la Spagna e si prepara anche all’uso della forza per impedire il referendum: «Nel Partito Popolare noi crediamo nella funzione della democrazia. I ricatti e le minacce che sono stati messi sul tavolo sono intollerabili e posso dire al popolo spagnolo che non verranno mai messi in pratica. La sovranità nazionale continuerà ad essere la sovranità nazionale perché la maggior parte degli spagnoli vogliono che sia così». Solo Podemos al momento è favorevole al referendum catalano.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.