venerdì, Novembre 15

Carnevale 2018: Venezia e Rio de Janeiro in maschera Le strade si riempiono di musica e di colori.

0

E’ finalmente arrivato il carnevale. A Venezia, le “dodici marie” scelte per rappresentare la città come da tradizione sono entrate in Piazza san Marco per la processione in costume d’epoca. La festa delle dodici Marie ripropone in chiave moderna il rapimento di dodici promesse spose ad opera dei pirati triestini avvenuto a Venezia intorno all’anno 943. Le dodici fanciulle vennero poi liberate dai veneziani.

A Venezia festeggiamenti non si limitano solo alla laguna, ma coinvolgono tutto il Veneziano.  Marco Maccapani, l’ideatore artistico del Carnevale di Venezia, ha scelto come tema centrale della manifestazione il “gioco” perché facilmente declinabile. Tantissimi eventi sono stati organizzati a Venezia: più di 200 le manifestazioni.

Anche a Rio de Janeiro ha già aperto i battenti il Carnevale più famoso del mondo. Sebbene l’ inizio ufficiale sia il 9 febbraio, nell’ attesa, numerose feste e sfilate improvvisate come questa sulla spiaggia di Copacabana sono state organizzate. Il Carnevale di Rio si chiuderà il 14 febbraio, ma l’evento principale della festa è la grande sfilata al Sambodromo durante la quale si può assistere ad una vera parata di musica e ballo eseguita dalle più importanti scuole di samba della città, con i loro bellissimi costumi.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore