lunedì, Gennaio 21

Cannabis depenalizzata field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.
Non ho capito”, dice, “hanno quindi depenalizzato l’uso della cannabis, ora?”.
Sì, ma solo a scopo terapeutico”, abbozza l’Assessore alle Politiche Giovanili Abbozzo “Infatti è già in cantiere l’idea di trasformare il Leoncavallo nel più moderno ospedale lombardo ”.
Grufolate!” replica Pistozzi, leghista amante della grappa, delle tangenti e di ogni altra cosa che provenga genuinamente dal Veneto. “E i nostri valori che fine fanno? Un tempo c’era la patria, la famiglia e l’espansionismo coloniale, ora che ci rimane? Un pugno di toffanelli al Sempione, ecco cosa!”.
Però Matteo Salvini ha sempre sostenuto che è contro legalizzazione della marijuana, ma a favore della prostituzione…”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
E come dargli torto?”, fa Pistozzi “Se mio figlio va con una bella slava a pagamento rende onore alla sua virilità eterosessuale, mica come i freak che si eccitano per una canna e non per una topa!”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto Von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Gente molla non capisce che cannone si spara, non si fuma! Nel mio esercito chi è trovato con droga prima gliela si prende e si pippa noi gerarchi, poi si fucila per trasgressione grave di legge, kamm schlampe!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai, ma spesso gli è capitato di usarne le spesse pagine per produrre filtri di magistrali carciofi fumati in compagnia di altri intellettuali come lui, nel retro delle biblioteche. Certe botte al cervello che nemmeno ai tempi d’oro de ‘Il Manifesto’.

Bravi tutti, eh, ma com’è che fingiamo di ignorare che la canapa è da sempre una fonte di energia rinnovabile e il suo principio attivo utile per la terapia del dolore?”.
No!”, ruggisce Tano il meccanico, “Ho dimenticato di filtrare il mio olio di colza!”, e scappa via, pregando il dio degli ecodiesel di non fargli trovare la macchina puzzolente di fritto misto alla bolognese.

E lo sapete perche per ora potranno usufruire della cannabis solo pazienti legati ad alcune patologie come la Sla o la Tourette?”.
Perché non ci sarebbero abbastanza serre per tutti?”, prova l’ambientalista Pozzi.

Porcaputtanalamerdabastardavaffanculo!”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.

Ma te per esempio preferiresti il classico cilotto o ti sfonderesti di triturbo a bandiera ?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando sul bancone e facendo schizzare per aria un joint, tre uedre e la mista del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

Subito la porta viene sfondata di schianto e un nugolo di loschi figuri in giacca e lenti scure comincia a parlottare a mezza bocca con i presenti. Condividono il timore di un netto calo nella vendita dei narcotraffici, ma Pistozzi suggerisce di spacciarli insieme alle slave sui marciapiedi, se vogliono chiede a suo figlio che è già piuttosto dentro al giro. Mario il barista cerca di opporsi e telefona ai carabinieri, quelli ribattono che presto arriveranno pure i colombiani e che starà a lui tirare sul prezzo. Nel frattempo Pistozzi tira, ma non sul prezzo. Il bar intanto si colora di luci stroboscopiche e viene proposta una nuova droga sintetica a base di gamberetti, tofu e idrogeno. Nessuno dice a Pistozzi che si deve inalare per via nasale, lui l’accende e il bar esplode. Dal fondo del locale accorre Tarocco il cartomante che approfitta delle grandi fiamme per accendersi una sigaretta.

E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.

Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera danno ‘Ciao Darwin’ ”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore