giovedì, Agosto 6

Canada, smartphone proibiti a lezione

0

È stato condotto come un piccolo esperimento sociale: gli studenti di una classe della Herring Cove Junior High School, una scuola media vicino a Halifax in Canada, sono stati sottoposti a un ban dei cellulari a scuola, per una settimana.

I risultati sono stati sorprendenti, sia per i professori che per gli stessi alunni. «Tengo il cellulare con me, ma non lo tiro fuori. Ho lavorato molto di più e riesco a concentrarmi meglio», testimonia una giovane studentessa.

La politica sui cellulari a scuola in Canada non è centralizzata, e viene dettata dai singoli insegnanti. Jamie Quinn, professoressa di inglese e studi sociali ha però realizzato quanto frustrante fosse ripetere continuamente agli alunni di concentrarsi sulla lezione senza lasciarsi distrarre dagli smartphone.

L’idea del ‘ban’ è stata quindi proposta ai genitori che hanno risposto entusiasti con email di congratulazioni. Comprensivo anche il Direttore della scuola, Sean MacDonald, che ha definito gli smartphone come «un ulteriore motivo di distrazione che influisce negativamente nel rapporto tra insegnante e alunni». MacDonald ha anche confermato come, durante la settimana in questione, «ci fosse effettivamente un diverso clima nell’aula».

La produttività scolastica non è stato l’unico aspetto a migliorare. Salma Khattab, una studentessa, ha notato che «stavamo parlando più del solito tra noi a pranzo… invece che sedere in gruppi e badare al nostro cellulare, come sempre». Un altro studente, Owen Sullivan, si è detto più rilassato:«Non dovevo preoccuparmi di ciò che stava succedendo sul mio telefono e fuori dalla scuola».

Il successo dell’iniziativa ha portato la professoressa Quinn ad auspicare che il piccolo ban, che è stato pensato come un’eccezione, possa in futuro diventare la norma: «Ci sono molte ragioni per cui i ragazzi dovrebbero spegnere i propri cellulari […] non voglio che si perdano le opportunità che hanno davanti solo perchè mantengono lo sguardo fisso sullo schermo del loro telefono».

Video tratto dal canale Youtube di “CBC News“.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.