sabato, Ottobre 24

Canada: il successo della legalizzazione della cannabis Il Canada ha ancora molta strada da fare per garantire il successo della legalizzazione della cannabis

0

Un think tank britannico molto apprezzato focalizzato sulla riforma delle leggi sulla droga ritiene che la legalizzazione e la regolamentazione canadese della cannabis siano andate bene. Secondo  ha seguito gli sforzi di riforma canadesi da qualche tempo e ha informato il governo canadese e alcune province su come sviluppare le normative prima della legalizzazione. Le sue opinioni positive sulle iniziative del Canada sono un contributo significativo nel valutare il nostro viaggio lontano dalla criminalizzazione del semplice possesso e dell’uso di droghe ricreative.

Ci sono stati numerosi sforzi per valutare il nostro primo anno di legalizzazione e oltre. Non tutti sono stati positivi come le valutazioni di Transform.

Il bilancio fatto dal think tank è sofisticata ma fornisce anche un primer delle esperienze del Canada con la cannabis legale, la cui fornitura è stata considerata un servizio essenziale in Ontario durante i primi giorni della pandemia di COVID-19.

Trasforma gli approfondimenti sulla valutazione in concetti fondamentali: crescita, elaborazione e produzione. I diversi modi in cui il farmaco viene venduto ai consumatori nelle province e nei territori è sintetizzato in modo succinto e chiaro.

Il rapporto affronta anche questioni controverse, tra cui la guida compromessa, la protezione dei giovani e il confronto con il mercato illecito. Diamo un’occhiata alle questioni di giustizia sociale implicate nel passaggio dalla criminalizzazione.

Quando fu chiaro che il cambiamento sarebbe avvenuto e che sarebbe stata emanata la necessaria legislazione federale e provinciale / territoriale, le questioni che interessavano i gruppi emarginati vennero alla ribalta. Transform ha esaminato l’incapacità dei governi di affrontarli adeguatamente.

La prima questione riguarda le misure di equità sociale. Le iniziative proposte mirano a compensare, in una certa misura, i danni subiti dai membri dei gruppi a causa della criminalizzazione e delle misure esecutive e le sanzioni che li hanno colpiti in modo sproporzionato.

Il rapporto sottolinea inoltre che le comunità indigene hanno la possibilità di rifiutare la vendita di cannabis sulle riserve e afferma che non vi è stato uno sforzo sufficiente per includere le popolazioni indigene come partecipanti all’industria della cannabis nell’ambito di iniziative di miglioramento economico.

Più in generale, il rapporto documenta gli sforzi negli Stati americani in cui la cannabis è legale per offrire ai gruppi minoritari, comprese le comunità indigene, opportunità di partecipare all’industria.

È discutibile se tali iniziative siano la migliore e unica strada da percorrere. Alcuni che sono stati influenzati negativamente da pratiche discriminatorie nell’applicazione delle leggi sulle droghe potrebbero non voler essere coinvolti nell’industria della cannabis ora come parte delle misure di equità sociale.

Potrebbero esserci altri modi per sostenere le persone colpite da pratiche discriminatorie. Ad esempio, un fondo istituito da una parte delle entrate fiscali dell’industria della cannabis potrebbe fornire sovvenzioni a candidati qualificati per un’ampia varietà di opportunità. In ogni caso, questi problemi di equità sociale non dovrebbero più essere ignorati.

Transform ha anche sollevato la necessità di amnistia per i condannati per possesso e uso semplici quando la cannabis era illegale.

I casellari giudiziari inseguono questi individui, incidendo su qualsiasi cosa, dalle opportunità di lavoro ai viaggi all’estero.

Il Canada ha messo in atto programmi speciali per grazie per reati correlati in combinato disposto con la riforma delle leggi sulla cannabis. Ma questi cambiamenti si sono rivelati inadeguati a causa dei costi e di altre barriere, e perché le convinzioni persistono e non possono essere negate dagli individui interessati quando vengono interrogate.

Ci sono state pochissime applicazioni in questo processo. Invece, come sottolinea Transform, è necessaria l’amnistia che costringe i governi a cancellare le convinzioni o, almeno, a sigillare i documenti pertinenti. Tali iniziative sono in corso in alcuni stati degli Stati Uniti, in particolare in California.

Nel complesso, Transform elogia gli sforzi canadesi di riforma. Altri non sono stati così gentili. Prendi, ad esempio, un articolo di The Guardian di aprile intitolato minacciosamente: “Come è andata così male?”

La storia ha documentato le legittime carenze relative all’accesso al mercato legale (ad esempio, non abbastanza punti vendita al dettaglio, specialmente in Ontario), la lotta per eliminare il mercato illecito e i problemi incontrati dall’industria della cannabis per generare profitti. Caratterizza la legalizzazione canadese come “guidata dal capitalismo dell’avvoltoio e dal pio desiderio” in un “mix di avidità e ingenuità”.

Il Canada ha ancora molta strada da fare per garantire il successo della legalizzazione della cannabis.

Ma il danno causato dalla criminalizzazione dell’uso di altre droghe è una storia diversa. Questo mese i capi di polizia canadesi hanno approvato la depenalizzazione dell’uso personale e del possesso di tutte le droghe. Si sta aprendo un altro capitolo?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore