sabato, Agosto 24

Campagna di crowdfunding L'Indro, il nostro progetto field_506ffb1d3dbe2

0

Lindro campagna di crowdfunding


L’Indro
 vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere e del diritto all’informazione indipendenteNon finanziata, cioè, da partiti o gruppi finanziari o pubblicità.

Serafina Lombardo (analista UE per ‘L’Indro‘) – 04.04.2014

La maggior parte degli utenti che leggono su internet pensano che il prodotto che stanno leggendo sia tutto e semplicemente gratis. Ragionamento completamente sbagliato.
On-line è sinonimo di gratis solo quando si vogliono vendere i dati o i gusti dell’utente. Chi scrive on line non ha lo scopo di invadere la privacy del Lettore; il giornalista non ‘vende’ il suo Lettore all’investitore pubblicitario, vuole ‘vendere’ il proprio lavoro al Lettore. Ha l’intento di divulgare. Ma la divulgazione costa.
Le espressioni ‘gratis’ e ‘giornalismo di qualitànon vanno d’accordo, non sono combinabili. Leggi qui il perchè

Vogliamo fornire un’informazione di qualità e condivisa che integri al meglio gli standard consolidati del giornalismo e le potenzialità dei nuovi media.

Valeria Noli (giornalista per ‘L’Indro‘) – 11.04.2014

La parolaqualitàindica che un prodotto o un servizio corrispondono a ciò che ci attendiamo da loro. Oggi navighiamo tra gli enormiiceberg dei Big Data. Siamo tempestati da informazioni ripetitive, contrastanti, seducenti o allarmanti. Uno dei nostri problemi resta quello di selezionare le informazioni che valgono la pena di essere considerate.
L’Indro ha deciso di puntare sulla qualità e basare la propria struttura redazionale su un principio di responsabilità e di condivisione. La responsabilità di chi produce i contenuti di questa testata. La condivisione di contributi dei Lettori, ovvero: idee, progetti, suggerimentitesti o le forme tradizionali del contributo economico. Leggi qui

Un percorso mirato a stimolare la partecipazione attiva dei cittadini stessiche diventano, così, anche garanti della sua produzione.

Annamaria Barbato Ricci (opinionista per ‘L’Indro‘) – 18.04.2014

Una partecipazione effettiva e costruttiva, che non ceda alla pigrizia mentale o un’inopinata e vacua epidemia parole senza pensiero, come nel caso dei ‘marquezzologi’. Leggi qui per conoscere questo ‘popolo’ che non è il nostro. Omologazione e banalità non ci appartengono. Siamo per i Lettori sui generis, partecipativi, che desiderano conoscere la faccia nascosta dei fatti, a cui non è sufficiente sapere cio’ che sanno tutti. Siamo controcorrente?  Ma nulla è più controcorrente che la verità,  frutto di un approfondimento privo di paraocchi e senza timori riverenziali, fieri di essere persino scomodi.

 

Oggi la testata conta su un volenteroso gruppo di Co-Fondatori (giornalisti, blogger, esperti, tecnici, designer, amministrativi, legali) che investono con il proprio lavoro. Con le nostre sole forze, però, è impossibile portare a compimento il tragitto verso la costituzione dell’azionariato diffuso, ovvero la realizzazione di un quotidiano di cui saranno gli stessi Lettori ad avere la comproprietà, contribuendo, altresì, alla produzione e alla gestione dei contenuti, ai rilanci della conversazione sui social e altri aspetti operativi.
Ecco perché abbiamo deciso di affidarci ai netizen e a tutti i Lettori.

Il 25 marzo è partita la prima campagna di crowdfunding de L’Indro. L’obiettivo: 100mila euro per finanziare la fase di lancio della testata, cioè per dare la possibilità a tutti di far nascere e partecipare a un quotidiano nuovo, dinamico e pluralista. Un quotidiano che privilegia gli approfondimenti quotidiani e le analisi a tutto campo, gli esteri, l’attenzione al dinamismo del digitale e la forte presenza in Rete e nei social media globali.

Secondo un principio di massima trasparenza, renderemo pubbliche man mano la quantità e la destinazione delle risorse ricevute.

Grazie del vostro sostegno e benvenuti a tutti quelli che cammineranno con noi: questa la pagina con tutte le modalità per versare contributi.

[ultimo aggiornamento: 18 aprile 2014]

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore