domenica, Agosto 25

Camilleri, grande affabulatore, ma di Sciascia non aveva capito … Il Camilleri scrittore è fascinoso e intrigante, con quella sua straordinaria capacità affabulatoria. Del Camilleri politico si può discutere

0

Chiedo scusa se sarò un poco ‘bastian contrario’ rispetto al profluvio di elogi che si tributano e si tributeranno ancora su Andrea Camilleri. Come dicevano i latini? ‘Amicus Plato, sed magis amica veritas’. Ecco.

Camilleri è scrittore ‘leggeroe denso insieme. Quasi tutti i suoi cento e passa libri ben figurano in una biblioteca che si rispetti. E’ godibile autore di intrattenimento, che ha ben compreso la tecnica del dialogo’, e sa come catturare il Lettore. Non c’è nulla di male, anzi, c’è tutto di bene, a esser “popolari”. E come per Georges Simenon i libri migliori sono quelli che non hanno per protagonista il commissario Jules Maigret, per Camilleri bisogna cercare quelli che non raccontano del Salvo Montalbano.

A Camilleri, tuttavia, rimprovero una cialtronata mai emendata: l’aver sostenuto cheIl giorno della civettadi Leonardo Sciascia «è uno di quei libri che non avrei voluto fossero mai stati scritti. Ho una mia personale teoria. Non si può fare di un mafioso un protagonista, perché diventa eroe e viene nobilitato dalla scrittura. Don Mariano Arena, il capomafia del Giorno della civetta, giganteggia. Quella sua classificazione degli uomini -omini, sott’omini, ominicchi, piglia ‘n culo e quaquaraquà- la condividiamo tutti. Quindi finisce con l’essere indirettamente una sorta di illustrazione positiva del mafioso e ci fa dimenticare che è il mandante di omicidi e fatti di sangue. Questi sono i pericoli che si corrono quando si scrive di mafia. La letteratura migliore per parlare di mafia sono i verbali dei poliziotti e le sentenze dei giudici».

Camilleri di tutta evidenza non ha capito nulla di Sciascia: che proprio ne ‘Il giorno della civetta’, e con trent’anni di anticipo, indica la strada del diritto e della legge per contrastare e sconfiggere la mafia: seguire la pista del denaro. Quella ‘lezione’ che segue Giovanni Falcone, che appunto ne fa tesoro, e opera di conseguenza: ‘follow the money’. Il denaro, è noto, non puzza; ma una scia la lascia, a volerla e saperla vedere.

Ecco: il Camilleri scrittore è fascinoso e intrigante, con quella sua straordinaria capacità affabulatoria. Del Camilleri politico si può discutere, ma il mondo è bello perché è vario; e ognuno è libero di poter esprimere le sue ‘extravaganze’. Del Camilleri ‘lettore’ di Sciascia si può dire, senza timore di smentita, che nulla aveva capito; e anche questo va ricordato.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore