venerdì, Agosto 7

Cambogia: le mine antiuomo che si trasformano in gioielli

0
1 2


Phnom Penh – La Cambogia rimane, tutt’ora, uno dei Paesi con il maggior numero di mine antiuomo e ordigni inesplosi al mondo. Si presume che lungo il suo territorio vi siano ancora 9000 siti da bonificare per un totale stimato tra i 4 e i 6 milioni di mine e altri ordigni depositati prima dai bombardamenti USA di fine anni 60 e poi dalla guerra civile e dal sanguinoso regime di Pol Pot e dei suoi Khmer Rossi. Circa la metà dei villaggi cambogiani ha riportato, negli anni, la presenza di mine, e la costante paura che un campo o un appezzamento di terreno possa esserne contaminato ha reso interi ettari di terra incoltivabile ed inaccessibili. II problema delle mine è considerato dalla Cambogia come una delle barriere principali al proprio sviluppo ed, infatti, l’eliminazione completa del problema rientra tra i target del Millennium Developement Goals, programma di obiettivi che il paese si è prefissato per sconfiggere la povertà.

Il CMAC (Cambodian Mine Action Centre), nato originariamente come piccolo progetto di sminamento negli anni 90, è ora la principale organizzazione nazionale che lotta per un Paese finalmente libero dalle mine. “Le comunità più colpite dal problema si trovano nelle zone più rurali, e sono spesso persone che vivono sotto la soglia di povertà”, dice Heng Ratana, direttore generale del CMAC. “La popolazione ha bisogno di terreni sicuri, quindi è nostro compito garantire dei campi coltivabili alle generazioni attuali e future”.

mine cambogia 3

Nonostante le autorità cambogiane abbiano ormai due decenni di esperienza alle spalle in ambito di sminamento, per cui hanno anche aiutato, recentemente, alla bonifica di Paesi come il Sudan, continuano a dipendere fortemente dalle donazioni estere per il finanziamento delle proprie attività. Le donazioni tuttavia, non sono un flusso continuo, spesso rallentano, mettendo così a dura prova il raggiungimento degli obiettivi prefissati dal CMAC e altre ONG impiegate in opere di bonifica. “La situazione fondi continua a fluttuare. I progetti iniziano poi si bloccano, poi rincominciano, ci sono periodi di stallo per mesi e questo rende il nostro lavoro estremamente difficile da portare a termine. Abbiamo bisogno di circa 50 milioni di dollari l’anno fino al 2020 per eliminare completamente tutti i tipi di mine antiuomo ancora presenti sul territorio”, conclude Heng.

mine cambogia 1

Il compito dei militari addetti allo sminamento di localizzare e disinnescare grandi quantitativi di ordigni inesplosi è un lavoro altamente rischioso; un recente report del governo ha dichiarato che dal 1979 al 2014 sono morte 19.693 persone a causa di mine e ordigni inesplosi, e ferite o amputate 44.681. Dati che fanno pensare, e che rivelano un problema ancora estremamente radicato e con il quale la società cambogiana continua, da trent’anni, a dover fare i conti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore