martedì, Marzo 31

Burundi: Kora Kora. Prove generali del genocidio

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


Menti responsabili del genocidio

Pierre Nkurunziza, ex Presidente burundese, che attualmente occupa la carica illegittima di Capo di Stato.

Reverien Ndikuriyo, Presidente del Senato a cui è stato affidato il compito di convincere i capi zona, capi quartiere e capi villaggi di trovare la mano d’opera per il genocidio.

Pascal Nyabenda, Presidente della Assemblea Nazionale avente compiti simili al suo collega Ndkuriyo.

Gaston Sindimwo, Primo Vice Presidente incaricato della coordinazione politica della Amministrazione Pubblica che deve gestire il genocidio.

Alain Gullaume Bunyoni, Ministro della Sicurezza  Interna incaricato della coordinazione generale del genocidio e  Leason Officer con le milizie FDLR.

Il Colonnello Joseph Niyonzimana, alias, Kakungu comandante del SNR (Service National des Renseignements) i servizi segreti burundesi, incaricato della coordinazione tra SNR, Polizia, Imbonerakure e FDLR durante le operazioni di ‘nettoyage’ (pulizia).

Il Colonnello Desire Uwamohoro, autore del recente massacro contro il convoglio funebre e direttore della Unità Anti Sommossa della polizia burundese. Incaricato di radere al suolo i quartieri di: Mutaka, Cibitoke, Ngagara, Nyagabiga a Bujumbura.

Il Commissario Alexandre Muyenge della Dipartimento del Appoggio Istituzionale incaricato della coordinazione dei reparti polizia,  della distribuzione di armi ai civili e della coordinazione con il leader delle Imbonerakure per l’inquadramento e la gestione operativa delle nuove reclute genocidarie arruolate dalle campagne.

Dalla parte delle Imbonerakure il nome del leader sembra protetto dal segreto dopo l’uccisione del leader storico Tharcisse Niyongabo. Il fondatore delle Imbonerakure fu ucciso dalla opposizione armata il 17 giugno 2015 presso il comune di Bubanza.

Félicien Kabuga l’uomo d’affari hutu ruandese che finanziò il genocidio nel 1994, ricercato da tutte le polizie del mondo. Capo militare dell’armata FDLR in Burundi incaricato della corretta esecuzione del lavoro e del controllo ‘rapprochè’ (ravvicinato) su Nkurunziza. In realtà Kabuga è l’uomo forte che controlla il Burundi e che detiene le sorti del Paese.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore