lunedì, Aprile 6

Burundi: Kora Kora. Prove generali del genocidio

0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


Preludio del genocidio. La conquista delle istituzioni e la divisione razziale della società

Comprando alcuni partiti e figure politiche di rilievo appartenenti alla minoranza tutsi ed evitando ogni persecuzione evidente dei tutsi, Nkurunziza ha lavorato pazientemente per permettere alle forze più radicali del Potere Hutu di controllare l’Assemblea Nazionale (il Parlamento burundese), il Senato, la Giustizia i settori finanziari ed economici offrendo contemporaneamente una parvenza di democrazia alla Comunità Internazionale. Disponendo già del controllo della Polizia, ha progressivamente diminuito il controllo della minoranza tutsi sull’Esercito. Il numero delle Forze Armate è stato diminuito e progressivamente si sono infiltrati gli ex guerriglieri genocidari che combatterono al fianco di Nkurunziza durante la guerra civile. Infiltrazione che va dai ranghi più bassi allo Stato Maggiore. Questo spiega il fallimento del colpo di Stato dello scorso maggio e la passività dell’Esercito che non interviene a fermare il massacro dei civili.

Attraverso le due principali istituzioni repubblicane, Senato e Assemblea Nazionale, l’ex Presidente ha indebolito la referenze sociali storiche del Burundi: i clan formati da hutu e tutsi sulla base di categorie professionali e di appartenenza regionale definita ‘fratellanza di collina’. Questa struttura sociale non è riuscita impedire i vari massacri reciproci avvenuti negli anni nel Paese ma è stata capace di fermarli prima che giungessero al genocidio. I clan sono stati sostituiti con il senso di appartenenza e di fedeltà al CNDD-FDD e all’ala giovanile del partito, le Imbonerakure. Il movimento giovanile CNDD, è, in realtà una milizia paramilitare addestrata nel 2013 in Congo, dalle FDLR, con il bene placito del Governo congolese, e nell’indifferenza della missione ONU di pace, la MONUSCO. Il partito al potere e le Imbonerakure hanno tentato di radicalizzare la percezione tra la gente che la società burundese sia divisa in etnie dove, ovviamente, quella tutsi rappresenta il male e il pericolo da annientare.

Tutti coloro che si aggregavano al CNDD e alle Imbonerakure godevano di privilegi inauditi. I dirigenti, anche quelli di origine tutsi, all’interno della compagine governativa potevano arricchirsi. La corruzione è diventata incontrollabile ma estremamente funzionale per stringere rapporti di lealtà e vassallaggio. Prima di presentarsi alle elezioni ottenendo un terzo mandato Nkurunziza ha attuato un colpo di Stato costituzionale nel gennaio 2014 che di fatto restaurava il potere hutu nel Paese. Alla popolazione rimanevano due scelte: accettare il dominio hutu o opporsi. Il rifiuto del terzo mandato espresso dalla popolazione è, in realtà, il rifiuto del Hutu Power.  

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore