mercoledì, Luglio 17

Budapest, Cracovia e Praga: le capitali dell’Est Europa più visitate Affascinanti per la loro storia e cultura, facilmente raggiungibili dall'Italia, ecco cosa non lasciarsi sfuggire

0

Anche quest’anno si confermano Budapest, Cracovia e Praga tra le mete europee dell’Est Europa più gettonate. I motivi sono tantissimi e variegati. Affascinanti per la loro storia e cultura, facilmente raggiungibili dall’Italia volando con compagnie low cost, interessanti tariffe via treno o bus e persino la facilità di giungervi in auto con un bel road trip.

Nella posizione di podio più alta c’è sempre Budapest, la storica capitale ungherese fusione di 3 vecchi centri (Buda, Pest e Obuda) che vuoi per la sua architettura, vuoi per le famose terme, attira annualmente un gran numero di viaggiatori, specialmente in primavera ed estate. Se state pianificando anche un viaggio nella capitale ungherese per la prima volta (magari in un weekend), vi lasciamo come vadevecum un articolo-itinerario del magazine di Expedia Explore su che cosa non lasciarsi sfuggire in 3 giorni di visita a Budapest. Qui di seguito invece, la nostra recensione sulle tre capitali turistiche dell’Est Europa.

Budapest: tra arte e storia

Nota anche come la Parigi dell’Est ha moltissimo da offrire al turista curioso. Architettura, storia, arte, cultura per un mix di bellezza capace di lasciare tutti ammaliati. Molto romantica Budapest è perfetta per un viaggio di coppia ma anche per una comitiva d’amici.

  • Chiesa di Mattia: sorge nel quartiere collinare di Budapest, guglie gotiche caratterizzano la sua architettura. Si tratta di una maestosa chiesa fatta costruire dal re  Bèla IV nel XIII secolo. E’ un inno all’arte e alla multiculturità, in essa si possono ammirare diversi stili, anche perché durante l’occupazione turca, la struttura ospita una moschea, è solo sul finire dell’800 che la Chiesa di Mattia diventa il più importante edificio gotico dell’Ungheria, quello che oggi possiamo egregiamente ammirare.
  • Castello di Buda, Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco: sorge nei pressi del vecchio quartiere del castello detto Várnegyed. La struttura ha uno stile architettonico particolare ovvero il barocco medievale, tutto il quartiere storico è molto simile a parte qualche edificio costruito nel diciannovesimo secolo. Sontuoso e bello rappresenta lo sfarzo ed il lusso per eccellenza ed anche qui si possono riconoscere le diverse epoche ed influenze degli imperi.
  • Teatro dell’Opera di Budapest: costruito tra il 1875 e il 1884 è l’espressione massima dello stile neo-rinascimentale unito al ricco barocco ungherese.  E’ questo uno dei teatri più belli di tutta Europa, acustica perfetta, sonorità rara, lo rende perfetto per esibizioni differenti tanto da essere stato spesso paragonato alla Scala di Milano.
  •  Gozsdu Courtyard: una piccola via del centro con i suoi bar, bistrot e locali, è il luogo perfetto per delle serate particolari. Qui si possono trovare le più antiche e note birrerie dell’Est Europa. Non si può perdere, ad esempio, una tappa alla birreria di Kolos Kósa, che offre oltre duecento tipi di birre artigianali tutte ottime e differenti.

Non solo tanta bellezza artistica da ammirare ma anche ottimo cibo. Il cibo in Ugheria è ottimo: qui si deve assaggiare per forza qualcosa di locale. La carne, ad esempio, è cucinata in modo egregio ed allora i brasati andranno assaggiati. Ottimo poi il gulyàs, una zuppa di carne tradizionale tipica. Da assaggiare anche lo spezzatino di carne con gnocchetti all’uovo, lo Spiedone di pancetta e formaggio, i Langos, specialità street food e come dolce l’immancabile ed impareggiabile Esterhàzy.

Cracovia: in Polonia un tuffo nella cultura

Cracovia è la capitale della cultura di tutta la Polonia ma, possiamo ben affermare lo sia di tutta l’Europa dell’Est. Il suo centro storico si snoda intorno alla piazza medievale più grande d’Europa. A sovrastare la città il Castello posto sulla collina Wavel. Il Castello di Cracovia ha moltissime stanze, tutte visitabili ma, particolare attenzione, va data alla Cappella Reale, al Tesoro reale e all’armeria medievale.

A rendere particolare la città sono alcuni piccoli e misteriosi musei tra cui quello situato al centro della città dove si conserva il dipinto autentico dal titolo ‘Dama con l’ermellino‘ di Leonardo da Vinci. Nei pressi di Cracovia poi è necessario scoprire le miniere di sale e il quartiere di Nowa Huta. Questo ultimo è un quartiere contemporaneo, sorto nel periodo socialista, definito, dagli esperti di architettura un quartiere ideale.

Immensamente bello da scoprire è il centro storico della città: il cuore di Cracovia è il Rynek, la Piazza del Mercato, uno dei mercati più noti d’Europa, è qui che si può ammirare il più antico Mercato dei tessuti (Sukiennice). Osservando i paraggi si nota la Chiesa di Santa Maria con le due torri di altezze diverse. Nei pressi poi  il quartiere di Kazimierz, è qui che ha abitato per secoli la comunità ebraica di Cracovia ed è qui che sembrerà di camminare dentro Schlinder’s List. .Da notare assolutamente le sinagoghe. Cracovia, come è noto, è stata la città di Karol Wojtyla ed allora visitare chiese e luoghi di culto è scoprire quel clima particolare in qui il Papa si è formato.

Praga: alla ricerca del bello

Praga è una delle mete più ambite del turismo internazionale, la bellezza qui è di casa un po’ come nelle altre capitali dell’Est di cui vi stiamo raccontando. La scoperta di Praga affascina tutti ed allora si deve iniziare dal Stare Mesto, il quartiere più antico  e a seguire poi fare una tappa a Mala Strana e ad Hradcany. Luoghi particolarmente affascinanti perchè qui è vissuto Franz Kafka. Si deve poi passare al Vicolo d’Oro, al Castello di Praga ed ammirare la Cattedrale di San Vito, il Ponte Carlo, Piazza Venceslao, la grande Sinagoga, il cimitero ebraico, Nove Mesto.

Praga, nonostante la Seconda Guerra Mondiale è oggi in grado di regalarci l’incanto di splendidi palazzi in barocco ma anche antichi vicoli ancora in acciottolato. Qui si nota magistralmente lo sfarzo dei tempi andati. Peculiarità di Praga è il gran numero di teatri che la caratterizzano, tantissimi i concerti nelle sale ma spesso qui si ha l’occasione di ammirare musica classica dal vivo. Importante da visitare è poi la galleria nazionale: una enorme collezione d’arte antica con importanti pezzi sul  medioevo boemo, sull’arte orientale, sul manierismo, sul barocco, e non mancano opere ottocentesche e novecentesche. Sono qui esposte tele del Tintoretto, di Piero della Francesca, di Lorenzo Monaco, Durer, Rubens, Peter Brueghel il Vecchio, Rembrandt, El Greco, Goya, Delacroix, Courbet, Monet, Pissarro, Van Gogh, Picasso, Munch e tantissimi pittori ed artisti dell’Est. Anche Praga non manca di birrerie, pub, trattorie tutte a portata di turista.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore