venerdì, Agosto 23

Briscola: regole di uno dei giochi più famosi d’Italia Ecco come si gioca e come si calcola il punteggio in uno dei passatempi più amati anche in versione virtuale

0

Quando si parla dei giochi di carte classici in Italia non si può mancare di menzionare la Briscola, un passatempo amatissimo che si affianca di diritto accanto a giochi intramontabili e altrettanto celebri come la Scopa e il Tresette. Data la sua enorme popolarità, non è affatto una sorpresa che il gioco della Briscola sia stato replicato anche in versione virtuale con il gioco briscola online offerto sui principali portali di gioco online.

Come si gioca a Briscola

Per giocare a Briscola si usa un mazzo di 40 carte da gioco napoletane, i partecipanti possono essere due o quattro (nel secondo caso si gioca in coppie) sebbene esistano anche alcune varianti del gioco, che prevedono la possibilità di giocare fino in sei. La versione classica della briscola mette in palio 120 punti: vince il giocatore (o la coppia) che riesce a totalizzare almeno 61 punti. Si può verificare anche una situazione di 60 a 60, in queste occasioni la partita finisce in parità.

Il mazziere distribuisce tre carte per ogni giocatore. Una volta finita la distribuzione, la prima carta del mazzo viene scoperta e il suo seme indica la briscola, ossia il seme dominante per tutta la durata della partita. Il primo a giocare è chi siede alla destra del mazziere: al giocatore tocca scegliere una delle tre carte che ha in mano e calarla sul tavolo. Il seme della carta scelta sarà quello con cui si gioca il turno: gli altri giocatori per vincere dovranno calare una carta di valore maggiore dello stesso seme, oppure una briscola.

Quando tutti i giocatori avranno calato la loro carta, chi ha messo a terra quella di valore maggiore prenderà tutto e darà inizio al turno successivo. Prima di iniziare il turno successivo, i giocatori pescano una carta dal mazzo (il primo a pescare è il giocatore che ha vinto il turno, seguono tutti gli altri). Il gioco segue questo andazzo fino a quando le carte del mazzo non vengono esaurite.

L’ultima mano risulta essere spesso quella decisiva, una circostanza dovuta al fatto che la maggior parte dei giocatori tende a tenere in mano i carichi (le carte di valore maggiore) pescati nel corso della partita, per poterli calare nel corso dell’ultima mano.

Come calcolare il punteggio a Briscola

Passate brevemente in rassegna le regole del gioco scopriamo come si calcola il punteggio a Briscola. Partendo dalla premessa dei 120 punti in palio, bisogna sapere che ogni carta raccolta corrisponde un dato valore. L’Asso e il Tre valgono rispettivamente 11 e 10 punti e sono detti ‘carichi‘; vi sono poi le ‘figure‘: il Re vale 4 punti, la Regina vale 3 punti, mentre il Fante vale 2 punti. Le altre carte (Sette, Sei, Cinque, Quattro e Due) non hanno valore e per questo sono dettescartine‘ (o lisci). Enunciato il valore delle carte in termini di punteggio, si è così in grado di capire quanto queste pesino quando si gioca. Le carte di valore più alto sono ovviamente quelle che consentono di totalizzare più punti, ad ogni modo bisogna ricordarsi che la Briscola vince su tutto e che esclusivamente una briscola di valore più alto è in grado vincere sul resto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore