venerdì, Agosto 14

Brexit, ancora aperta la questione Gibilterra Usa avverte gli alleati di non usare apparecchiature Huawei. Kenya, altri 6 arresti per il rapimento della volontaria italiana

0

In Brasile, il presidente Jair Bolsonaro ha affermato su Twitter: «Felice di ricevere una visita del consigliere Usa per la Sicurezza nazionale John Bolton la prossima settimana. Avremo certamente una conversazione produttiva e positiva per le nostre nazioni». Intanto oggi Bolsonaro è andato a San Paolo per sottoporsi a una nuova serie di esami medici che esegue periodicamente dopo l’accoltellamento subito a settembre durante un comizio elettorale. In particolare lo staff medico svolgerà ulteriori valutazioni in vista del prossimo intervento chirurgico, che verrà effettuato il 12 dicembre quando a Bolsonaro verrà rimossa la borsa di colostomia per ripristinare la normale funzione intestinale.

Una capacità nucleare iraniana «sarebbe una vera catastrofe, un pericolo terribile per il mondo intero». Lo ha dichiarato Yuli-Yoel Edelstein, presidente della Knesset israeliana, in occasione dei Med Dialogues a Roma. Il loro obiettivo, ha detto, «è diffondere un’ideologia di odio, di antisemitismo nella regione e in tutto il mondo: sono figlio di due sopravvissuti all’Olocausto e quando mi minacciano ci credo, e l’atteggiamento antisemitico dei leader iraniani va preso sul serio». La minaccia di Teheran, ha ribadito, «è un fatto da contrastare, sostenendo dialogo, collaborazione, tolleranza per creare un fronte che garantisca in Medio Oriente libero e prospero. L’Iran non è un pericolo solo per noi».

In Iraq,  è di cinque studenti uccisi il bilancio di un attentato verificatosi a Mosul. Cinque studenti che erano a bordo di un autobus sono stati uccisi dall’esplosione, mentre fonti di stampa affermano che a essere uccisi sono stati anche due miliziani anti-Isis, ma non si hanno conferme.

In Pakistan invece una bomba è esplosa in un mercato all’aperto nel nord-ovest, provocando almeno 25 morti e 35 feriti. Lo hanno riferito fonti mediche e di polizia. Mentre in mattinata separatisti dell’Esercito di liberazione del Baluchistan hanno assaltato il consolato cinese di Karachi. Morti due poliziotti e i tre assalitori.

Chiudiamo con l’Afghanistan, perché un kamikaze si è fatto esplodere in una moschea all’interno di una base militare nell’est del Paese. Al momento si contano almeno 27 morti tra i soldati.e 57 feriti.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore