venerdì, Agosto 23

Brasile: la povertà rimane un problema Altro che fine della recessione; la povertà in Brasile rimane ancora alta

0

In Brasile ancora tanta gente vive in condizioni di povertà. Maynara da Silva vive in uno degli angoli più poveri della più grande baraccopoli di San Paolo, chiamata Paraisópolis, che ospita circa 100.000 brasiliani. Qui, tantissimi non hanno un lavoro; in alcuni casi, nessuno in un nucleo familiare ha un impiego. C’è chi guadagna un po ‘di soldi raccogliendo lattine di alluminio per il riciclaggio cittadino. Contando un piccolo sussidio sociale che riceve per sua figlia, la famiglia di Maynara guadagna circa 65 dollari al mese, che usa per cercare di soddisfare i bisogni dei 7 membri della famiglia, tutti nella stessa casa con una sola camera da letto.

«Ogni giorno esco per cercare lavoro e le persone dicono sempre che mi chiameranno. Spero che accada un giorno», racconta Mayana . «Nel frattempo, tutto ciò che posso fare è raccogliere le lattine di alluminio o chiedere soldi. Basta comprare latte per i bambini, riso e fagioli per noi. Ma a volte non abbiamo soldi per il gas e siamo costretti ad usare legna da ardere».

Il Brasile è dichiaratamente fuori dalla recessione, ma il mercato del lavoro rimane debole con la disoccupazione al di sopra del 13%, ed è particolarmente difficile per i più poveri e meno istruiti trovare lavoro. Secondo i dati di uno studio del Governo, il numero di brasiliani che vivono in  povertà estrema, cioè con meno di 1.90 dollari al giorno, è aumentato un anno. In tutto il Brasile, il numero di queste persone è salito dell’11.2%. Solo nella regione metropolitana di San Paulo, è aumentato del 35%.

Il presidente dell’Associazione della Comunità di Paraisopolis, Gilson Rodrigues, ha affermato che anche all’interno della comunità esiste una stratificazione sociale. «Paraisopolis è molto grande e al suo interno abbiamo anche diverse classi sociali. Le persone nelle aree centrali della baraccopoli, gli imprenditori locali, stanno meglioMa chi vive nelle aree più povere viene colpito più duramente. Ci sono molti lavoratori non qualificati che hanno perso il lavoro. Le persone chiedono cibo, aiuto per il trasporto, per cucinare il gas». «Ciò che è successo nel 2017 è che in Brasile, la ripresa dell’economia non ha effettivamente portato le persone fuori dalla povertà, perché, in realtà, hanno cercato di inserirsi nel mercato del lavoro attraverso il lavoro informale», ha affermato. E il lavoro informale, si sa, non fornisce lo stesso livello di reddito. La conseguenza è che il livello di povertà è lo stesso del 2011. «Siamo tornati indietro di circa sette anni».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore