giovedì, Ottobre 29

Borsa: canapa, settimana negativa per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le principali Borse canapa a livello mondiale, Canada e USA, intorno alla data del 18 settembre hanno visto chiudersi una settimana con un mercoledì particolarmente negativo, le curve borsistiche chiudono poi la settimana entrambe con valori negativi e sono rappresentative dell’andamento delle Borse a livello internazionale, in un settembre particolarmente complesso e cupo, oltre che volatile

Indice Marijuana Canada 183.78

In data 18/9/2020 è

Negativo: -5,55

Costituenti: 18

Cambio: -2,93%

Prezzo di apertura: 186.05

Volume Totale: 21.46 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

10 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 192.33

11 settembre 2020 ore 10.30 PM raggiunto 187.92

14 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 187.66

15 settembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 188.39

16 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 190.83

17 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 185,47

17 settembre 2020 ore 12.30 PM raggiunto 183.69

Indice Marijuana Stati Uniti 49.57

In data 18/9/2020

Negativo: -0.36

Costituenti: 31

Cambio: -0,72%

Prezzo di apertura: 49.61

Volume Totale: 7.21 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

10 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 50.65

11 settembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 50.14

14 settembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 50.17

15 settembre 2020 ore 10,30 PM raggiunto 49.15

16 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 49.96

17 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 49.69

Andamento borsistico aggiornato in data 18 settembre 2020

Uno sguardo contestualizzato alla data dell’11 settembre 2020. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Investitore inglese afferma che una società CBD californiana ha mentito per ottenere più investimenti

Una società di CBD della California è stata citata in giudizio da una società di investimenti britannica che sostiene di essere stata indotta a offrire un prestito di quasi 1 milione di Dollari che la società di CBD non è riuscita finora a rimborsare. Henley Finance ha presentato una denuncia alla corte federale la scorsa settimana sostenendo che il fornitore di CBD Bioscience Enterprises di Gold River, California, ha travisato le sue attività al fine di garantire i suddetti fondi, “sapendo che sono materialmente falsi e fuorvianti”. Secondo la denuncia, il presidente di Bioscience Richard Parker ha detto a Henley che la società era un produttore e fornitore a contratto leader di CBD derivato dalla canapa, aveva sviluppato la sua nicchia nello spazio del CBD per più di tre anni e che la società aveva “corrente” contratti per servizi di clienti in tutto il Nord America. Secondo la denuncia, Henley ha prestato quasi $ 1 milione a Bioscience tramite un conto con Goyette, uno studio legale californiano che si occupa di fornire servizi di deposito a garanzia per transazioni finanziarie di canapa, nel luglio 2019.

Una partnership nel settore dei cannabinoidi sintetici si trasforma in una causa da 881 milioni di dollari

Un accordo di ricerca e sviluppo sulla cannabis salutato lo scorso marzo come una partnership da 300 milioni di dollari si è trasformata in una battaglia giudiziaria da quasi 1 miliardo di dollari. Lavvan, con sede a New York, ha intentato una causa da 881 milioni di dollari contro il suo partner, Amyris, con sede in California, accusando appropriazione indebita di segreti commerciali e violazione di brevetto. Secondo un comunicato stampa, Lavvan ha specificamente accusato l’azienda di aver rubato segreti ai cannabinoidi sintetici come il CBG. Le due società hanno stipulato un accordo di ricerca, collaborazione e licenza nel marzo 2019, ma Lavvan sostiene nella sua causa che Amyris ha infranto i termini dell’accordo e ha affermato di non avere altro ricorso se non quello di intentare una causa. “Piuttosto che adempiere ai suoi obblighi nei confronti di Lavvan ai sensi dell’accordo, Amyris ha deciso di trasformarsi da partner a concorrente diretto, in flagrante violazione dei diritti di Lavvan”, ha detto il CEO Neil Closner nel comunicato.

Charlotte Web slitta verso una perdita nel secondo Quadrimestre, sottolineando sia a causa della pandemia e delle costose spese di operatività    

Charlotte’s Web Holdings, un produttore di CBD a Boulder, in Colorado, ha perso $14,4 milioni lo scorso trimestre poiché la pandemia di coronavirus ha rallentato le vendite al dettaglio e le spese operative sono aumentate dell’82% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. La società ha annunciato un piano per ridurre le spese operative del 10% entro la fine del 2020, senza elaborare ulteriormene. “La pandemia ha avuto un impatto più ampio e più lungo di quanto ci aspettassimo sugli operatori sanitari e al dettaglio”, ha dichiarato in una nota il direttore finanziario Russ Hammer. La perdita di $14,4 milioni rappresenta una strabiliante diminuzione del 6.000% rispetto allo stesso periodo del 2019, quando Charlotte’s Web ha realizzato un profitto di $ 2,2 milioni. La società ha attribuito il salto delle spese operative a un trasferimento della sede centrale e alla chiusura dell’acquisizione di Abacus Health Products Inc., un acquisto che la società afferma “estende notevolmente l’offerta di prodotti di Charlotte’s Web e raggiunge e consolida una posizione di comando negli argomenti di CBD di canapa degli Stati Uniti. categoria.”

Le prime gelate potrebbero costare enormi perdite ai coltivatori di canapa      

Una precoce ondata di freddo che ha attraversato il Colorado questa settimana ha portato le temperature sotto lo zero e scaricato pollici di neve, potenzialmente distruggendo preziose piante di canapa in fase di raccolta. Il danno alle colture ha colpito anche la marijuana coltivata all’aperto e probabilmente interromperà la fornitura di materiale per estratti di THC e CBD in tutto lo stato per i mesi a venire, simile a quello che è successo quando il Colorado meridionale ha subito un congelamento precoce nell’ottobre 2019 che ha causato significative perdite finanziarie per grandi fattorie di marijuana all’aperto. Quel congelamento ha anche frenato la solita inondazione di cannabis coltivata all’aperto nel mercato statale. A differenza dello scorso anno, un’oscillazione della temperatura del Colorado di circa 70 gradi Fahrenheit è arrivata troppo presto nella stagione perché i coltivatori potessero raccogliere preventivamente le loro piante. E i coltivatori senza un’adeguata protezione dalle intemperie dovevano guardare mentre i loro raccolti si congelavano ed erano coperti di neve bagnata e pesante che spezzava steli e rami delle piante.

Vasti incendi stanno distruggendo piantagioni di canapa in California, Oregon                                            

Enormi incendi che bruciano su e giù per la California e l’Oregon stanno devastando le fattorie di canapa, distruggendo un numero incalcolabile di proprietà e causando perdite per milioni di dollari.Gli incendi stanno travolgendo le fattorie mentre la raccolta della canapa inizia in alcuni luoghi, distruggendo gli investimenti di alcuni agricoltori per i quali il 2020 è stato il loro primo anno di coltivazione Ventotto grandi incendi attivi in ​​California hanno bruciato 4.375 miglia quadrate, secondo quanto riportato dall’Associated Press. In Oregon, oltre un milione di acri sono stati bruciati durante la scorsa settimana, ha detto il governatore Kate Brown. Circa 500.000 acri (781 miglia quadrate) di solito bruciano ogni anno, ha detto. Non si sapeva subito quanti acri di canapa potessero essere stati danneggiati o distrutti. L’Oregon e la California sono tra i 10 maggiori produttori di canapa in termini di acri, secondo il 2020 Hemp Harvest Outlook di Hemp Industry Daily.

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore