sabato, Ottobre 24

Borsa: canapa, crollo Canada e scarso positivo USA in un agosto molto incerto Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le principali Borse canapa a livello mondiale, Canada e USA, intorno alla data del 28 agosto hanno vissuto una settimana caratterizzata da un andamento estremamente volatile, la Borsa canadese poi chiude in modo nettamente negativo mentre -nel caso USA- riesce a superare il picco negativo di mercoledì 26 agosto per riallinearsi su valori lievemente positivi. Il contesto internazionale permane estremamente volatile.

Indice Marijuana Canada 195.32

In data 28/8/2020 è

Negativo: -3,42

Costituenti: 18

Cambio: -1,72%

Prezzo di apertura: 197.75

Volume Totale: 1.53 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

20 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 204.42

21 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 201,08

24 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 200.53

25 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 199.98

27 agosto 2020 ore 10.30 AM raggiunto 199.17

27 agosto 2020 ore 01,30 PM raggiunto 195.06

Indice Marijuana Stati Uniti 50.50

In data 28/8/2020

Positivo: +0.22

Costituenti: 31

Cambio: 0,44%

Prezzo di apertura: 52.47

Volume Totale: 31.04 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

20 agosto 2020 ore 10,30 PM raggiunto 52.78

21 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 51.01

24 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 49.65

25 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 51.44

26 agosto 2020 ore 10.30 AM raggiunto 50.52

27 agosto 2020 ore 10.30 AM raggiunto 50.59

Andamento borsistico aggiornato in data 28 agosto 2020

Uno sguardo contestualizzato alla data del 28 agosto 2020. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Hexo, Molson Coors lancia un portafoglio TrussCBD + THC in Canada

Il produttore canadese di cannabis Hexo Corp. e il birraio MolsonCoors Canada hanno lanciato nuovi prodotti per bevande sotto la loro joint venture Truss Beverage Co., segnando una maggiore concorrenza nel mercato canadese delle bevande alla marijuana. La gamma di cinque marchi di bevande svelati martedì include sia prodotti CBD che THC. Tutto sarà venduto nei dispensari di marijuana canadesi, non nei punti vendita di massa. La maggior parte delle bevande contiene da 2,5 milligrammi a 5 milligrammi di THC, caratterizzato come una “dose media”. Il marchio di bevande “XMG” contiene 10 milligrammi di THC, il massimo consentito dalla legge canadese.

Un altro gruppo che opera nel settore canapa implora la FDA di regolamentare il settore CBD con linee guida accettabili, per la salute dei consumatori

I sostenitori della canapa hanno inviato le proprie raccomandazioni alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per cercare di dirigere la politica di discrezione dell’applicazione dell’agenzia per i prodotti CBD. L’ultimo gruppo di canapa che sta valutando è il National Industrial Hemp Council, che questa settimana ha presentato commenti all’agenzia sottolineando l’importanza di stabilire standard di sicurezza di base per proteggere i consumatori. Il NIHC con sede a Washington, DC, un gruppo di difesa e lobbying, ha affermato di aver incontrato anche l’Ufficio di gestione e bilancio della Casa Bianca in merito alla bozza di linee guida della FDA per l’applicazione della CBD che l’agenzia ha presentato il mese scorso. NIHC ha affermato che gli studi esistenti supportano il consumo umano sicuro di CBD nel dosaggio appropriato per integratori alimentari e alimenti convenzionali.

Colorado Extractor conclude un accordo di distribuzione con un grossista di generi alimentari 

L’estrattore di CBD con sede in Colorado e il fornitore a marchio privato Mile High Labs ha stipulato un accordo di distribuzione con una filiale di un importante gruppo di minimarket del Regno Unito per il proprio marchio di consumo. L’accordo di distribuzione per il marchio CBD Mellow Greens di Mile High è stato siglato con Nisa Retail, di proprietà di The Co-operative Group. Undici dei prodotti isolati di CBD del marchio sono stati resi disponibili tramite Nisa a una rete di oltre 2.500 negozi di proprietà indipendente a partire da luglio, ha affermato la società in una nota. “Il Regno Unito è uno dei mercati in più rapida crescita al mondo per il CBD“, ha affermato John Wallace, amministratore delegato di Mile High Labs per il Regno Unito e l’UE. La linea di prodotti Mellow Greens è stata lanciata nel 2019 con 11 prodotti – liquidi elettronici, tinture, caramelle gommose e compresse – che venivano venduti nei negozi di alimentari del Regno Unito.

Canada, gruppi americani del business intervengono a sostegno dell’espansione del mercato globale della cannabis    

Due gruppi imprenditoriali nordamericani hanno firmato un memorandum d’intesa per sostenere le aziende canadesi e americane che cercano di trarre vantaggio dalla crescita del mercato internazionale della cannabis. L’accordo tra l’International Cannabis Council della Camera di Commercio canadese e l’American Trade Association for Cannabis and Hemp (ATACH) sosterrà le imprese su entrambi i lati del confine, hanno detto le organizzazioni in un comunicato stampa. Il futuro del commercio globale di cannabis sarà guidato dalle aziende canadesi e statunitensi e questo accordo storico contribuirà a fornire leadership, sostegno al mercato e promuovere le relazioni tra le principali economie mondiali della cannabis“, ha affermato Michael Bronstein, presidente di ATACH, un’industria della cannabis organizzazione commerciale – nel comunicato ufficiale.

Autorità della Pennsylvania: il processatore di canapa ha abbandonato le strutture di essiccazione in difficoltà                                          

Un trasformatore di canapa che rischiava multe nella Pennsylvania occidentale per lamentele sugli odori ha abbandonato il suo travagliato impianto di essiccazione, secondo i regolatori ambientali statali. L’operazione Patriot Shield a Jeannette, vicino a Pittsburgh, è stata ripulita dalle attrezzature, ha detto martedì al quotidiano Tribune-Review il Dipartimento statale per la protezione ambientale. L’agenzia ha multato l’azienda per circa 29.000 dollari alla fine dell’anno scorso per violazioni della qualità dell’aria, multe che devono ancora essere pagate, ha riferito l’agenzia. L’azienda deve inoltre affrontare sfide legali da parte dei dipendenti che hanno affermato di dover pagare un rimborso.Patriot Shield, una società di sicurezza e trasporto con sede in Colorado che serve clienti sia di canapa che di marijuana, non ha immediatamente restituito una richiesta via e-mail da HempIndustry Daily per un commento sulla struttura della Pennsylvania.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore