domenica, Novembre 29

Borsa: canapa, Covid-19 fa sprofondare Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Dopo una settimana con piccoli cenni di ripresa, sebbene timida, le Borse più rilevanti a livello mondiale, cioè Canada e USA, chiudono entrambe in negativo. Tutto ciò è fenomeno e causa dell’andamento borsistico complessivo a livello globale. Pesano le ombre oscure che si stendono sul contesto commerciale, produttivo mondiale dopo la diffusione dei dati relativi alla diffusione del virus con le successive restrizioni introdotte da diversi Stati nella vita produttiva e civile nazionale.

Indice Marijuana Canada 175.65

In data 23/10/2020 è

Negativo: -0,94

Costituenti: 15

Cambio: -0,53%

Prezzo di apertura: 176.34

Volume Totale: 43.25 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

15 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 173.05

16 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 172.69

19 ottobre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 174.32

20 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 173.27

21 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 178,44

22 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 174.88

Indice Marijuana Stati Uniti 56.70

In data 23/10/2020

Negativo: -0.22

Costituenti: 29

Cambio: -0,39%

Prezzo di apertura: 55.32

Volume Totale: 16.58 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

15 ottobre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 55.01

16 ottobre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 56.10

19 ottobre 2020 ore 10,30 PM raggiunto 53.78

20 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 56.19

21 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 56.43

22 ottobre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 56.55

Andamento borsistico aggiornato in data 23 ottobre 2020

Uno sguardo contestualizzato alla data del 23 ottobre 2020. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

HIA, Pet Releaf nomina il dirigente Papa & Barley come nuovo CFO

Pet Releaf, con sede in Colorado, produttore di prodotti CBD per animali domestici, ha nominato Rod Millott come suo nuovo chief financial officer. La posizione è stata creata di recente mentre l’azienda sperimenta una “crescita epocale”, ha affermato Stephen Smith, co-fondatore e presidente di Pet Releaf. “Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Rod nel team di Pet Releaf e siamo fiduciosi che avrà un impatto immediato sulle nostre operazioni aziendali”, ha detto Smith in una dichiarazione giovedì quando la società ha annunciato l’assunzione di Millott. Prima di entrare a far parte di Pet Releaf, Millot era CFO del produttore di CBD con sede in California Papa & Barkley. “Non vedo l’ora di lavorare con il team di Pet Releaf per sfruttare lo slancio dell’azienda come leader nei prodotti CBD per animali domestici”, ha detto Millot. Il mercato del CBD per animali domestici è in forte espansione e dovrebbe crescere di tre volte entro il 2025, secondo l’analista di dati di mercato Nielsen Global Connect.

Un rivenditore USA di CBD di alta fascia approccia il Regno Unito con la distribuzione nei grandi magazzini inglesi, afferma un sito web del Regno Unito  

Standard Dose, un marchio del benessere e rivenditore di CBD negli Stati Uniti, ha lanciato un sito Web nel Regno Unito e ha firmato un accordo di distribuzione con John Lewis & Partners, un rivenditore multicanale che gestisce più di 40 grandi magazzini in Gran Bretagna. Il lancio del sito Web consente per la prima volta la vendita del marchio di New York al di fuori degli Stati Uniti e segna l’inizio di una più ampia espansione europea, secondo quanto riportato la scorsa settimana dalla rivista di settore Women’s Wear Daily. Le vendite della dose standard nel Regno Unito includono topici e tinture al CBD. “Vivevo a Londra e ho osservato da vicino la crescita del mercato del benessere nel Regno Unito”, ha detto a WWD Anthony Saniger, fondatore di Standard Dose. “Sempre più persone cercano l’accesso a ingredienti vegetali e pratiche di auto-guarigione, e noi vogliamo continuare a essere quel punto di educazione e fiducia”. Standard Dose vende la propria linea di prodotti e marchi che includono Moon Juice, Costa Brasile ed Herbivore Botanical, sia su un sito web al dettaglio che in un negozio fisico a Manhattan.

PLI Press pubblica la nuova edizione della sua guida legale onnicomprensiva sul business della marijuana    

Gli avvocati che rappresentano i clienti nel settore della cannabis legale in rapida crescita devono tenere il passo con una serie di linee guida e regolamenti in evoluzione. Legal Guide to the Business of Marijuana: Cannabis, Hemp and CBD Regulation, 2020 Edition, dal principale editore legale PLI Press, offre una risorsa pratica e completa. La guida copre un’ampia gamma di argomenti correlati, inclusa la complessa e variabile regolamentazione statale della marijuana medica e non medica; legge federale, applicazione e prelazione e loro implicazioni per l’occupazione, le tasse e le banche; e i vari aspetti della creazione e gestione di un’impresa di marijuana, inclusa la coltivazione, la concessione di licenze, l’etichettatura, il trasporto e la distribuzione di marijuana e prodotti correlati.

Altri 6 Stati e tre tribù indiane ottengono l’OK dall’USDA su un piano di coltivazione della canapa      

Altri sei Stati e tre tribù indiane hanno ottenuto i loro piani di coltivazione della canapa dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Gli stati che hanno ricevuto l’approvazione sono Illinois, Indiana, Michigan, New Mexico, Oklahoma e South Dakota. Il numero totale di piani approvati è ora pari a 69, secondo Marijuana Moment. La Comanche Nation, la tribù San Carlos Apache dell’Arizona e la Seminole Nation of Oklahoma sono state le ultime tribù a ricevere l’approvazione. I piani di coltivazione dovrebbero allinearsi alle disposizioni del Farm Bill 2018. L’USDA ha emesso le linee guida l’anno scorso e ha concesso agli stati fino al 1° novembre per ottenere l’approvazione federale per la supervisione del raccolto. Ma meno di un mese fa, quella scadenza è stata prorogata fino al 2021. New York è tra gli stati che afferma che continuerà a operare secondo le regole del 2014. New York ha deciso di non presentare un piano di coltivazione statale prima della concessione della proroga di un anno, con i funzionari che affermavano che le linee guida del 2018 erano “irrealistiche” e “irragionevoli”. L’USDA elenca New York come soggetta a regole federali, ma le autorità di regolamentazione dell’agricoltura di New York prevedono di continuare a operare nell’ambito del programma pilota di quello stato, ha riferito WBFO.

Hemp Industry Daily lancia una ricerca industriale annuale per accumulare dati a fini di business      

È arrivata l’occasione per i dirigenti e gli investitori dell’industria della canapa di contribuire a mettere i numeri dietro l’hype partecipando al sondaggio annuale Hemp Industry Daily.L’indagine aiuta la HID con sede in Colorado a fornire dati chiave di mercato, finanziari e operativi per aziende e imprenditori. Il sondaggio anonimo può essere condotto qui fino al 30 ottobre. Il sondaggio è aperto a proprietari, fondatori e dirigenti con aziende, operazioni di coltivazione commerciale, produttori di prodotti infusi e aziende integrate verticalmente, nonché investitori in società di canapa. Le informazioni raccolte dal sondaggio aiuteranno le aziende di cannabis nella costruzione di piani aziendali, nello sviluppo di budget, nella definizione di parametri di performance chiave, nell’analisi di benchmark competitivi e nella preparazione per la raccolta di fondi. I dati raccolti verranno utilizzati nei rapporti di ricerche di mercato, incluso il Factbook 2020 su canapa e CBD. Tutti coloro che completeranno il sondaggio riceveranno un riepilogo esecutivo migliorato del Factbook di quest’anno una volta pubblicato.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore