sabato, Ottobre 24

Borsa: canapa, Canada e USA negative in un agosto molto volatile Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le principali Borse canapa a livello mondiale, Canada e USA, intorno alla data del 21 agosto hanno vissuto una settimana caratterizzata da un andamento cupo e negativo, in special modo nel caso canadese. Al di là dell’andamento delle curve borsistiche delle due principali potenze mondiali nella produzione e commercializzazione della canapa, sul terreno permane il fatto che -in epoca di Covid- le Borse risentono di un andamento fortemente volatile. Secondo gli esperti del settore, il timore più grande è proprio quello della cronicizzazione di una crisi che -con sempre maggior evidenza- non si risolverà nel breve termine.

Indice Marijuana Canada 204.38

In data 21/8/2020 è

Negativo: -2,79

Costituenti: 18

Cambio: -1,35%

Prezzo di apertura: 205.52

Volume Totale: 19.45 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

13 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 222.60

14 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 217,04

17 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 217.16

18 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 210.29

19 agosto 2020 ore 10.30 AM raggiunto 208.92

20 agosto 2020 ore 01,30 PM raggiunto 204.42

Indice Marijuana Stati Uniti 52.91

In data 21/8/2020

Negativo: -1.48

Costituenti: 31

Cambio: -2,72%

Prezzo di apertura: 52.47

Volume Totale: 31.04 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

13 agosto 2020 ore 10,30 PM raggiunto 50.74

14 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 51.60

17 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 53.46

18 agosto 2020 ore 10,30 AM raggiunto 53.82

19 agosto 2020 ore 10.30 AM raggiunto 54.04

20 agosto 2020 ore 10.30 AM raggiunto 52.78

Andamento borsistico aggiornato in data 21 agosto 2020

Uno sguardo contestualizzato alla data del 21 agosto 2020. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Società CBD inglese avvia la costruzione di nuove strutture produttive

World High Life, società di investimento in cannabis con sede a Londra, afferma che la sua sussidiaria CBD Love Hemp ha avviato la costruzione di un impianto di produzione più grande. La società ha affermato che la struttura di 3.500 piedi quadrati consentirà a Love Hemp di aumentare la produzione dei suoi prodotti tra cui oli, cosmetici e capsule dalle attuali 8.000 unità al giorno a 43.000 unità. Il completamento della struttura è previsto per febbraio. “Questa espansione aumenta ulteriormente le nostre capacità di sforzarci di superare le esigenze dei clienti e dei consumatori, migliorando al contempo le capacità di stoccaggio e produzione, i tempi di consegna e garantendo la sicurezza del nostro personale“, ha affermato Tony Calamita, CEO di Love Hemp. World High Life ha acquisito Love Hemp, un fornitore londinese di prodotti CBD derivati ​​dalla canapa, all’inizio di quest’anno per 9 milioni di sterline (11,23 milioni di dollari). World High Life negozia sui mercati over-the-counter come WRHLF.

Si chiede aiuto: la FDA cerca contractor per raccogliere e analizzare campioni di CBD

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti sta assumendo un appaltatore per aiutare a raccogliere e studiare campioni di prodotti alimentari e cosmetici CBD sul mercato statunitense mentre l’agenzia avanza nello sviluppo di una politica normativa completa verso l’estratto di canapa. L’avviso di contratto, pubblicato giovedì scorso, ha lo scopo di supportare il piano del gruppo di lavoro sulla politica del cannabidiolo della FDA di condurre uno studio di campionamento degli attuali prodotti CBD sul mercato statunitense per “comprendere il CBD e il relativo contenuto di cannabinoidi, e possibili contaminanti, in una ampia gamma di prodotti“, ha scritto l’agenzia. L’appaltatore raccoglierà e analizzerà 1.000-3.000 campioni dal mercato del CBD nei prossimi mesi, ha affermato la FDA.

Marijuana Business Daily di nuovo nella lista delle 5000 società private in più rapida crescita

Per il quinto anno consecutivo, Marijuana Business Daily si è guadagnata un posto nella lista delle 5000 aziende private in più rapida crescita della rivista MJBizDaily, pubblicazione sorella di Hemp Industry Daily, si è classificata 1.749 nella prestigiosa lista di 5.000 aziende private americane, con una crescita dei ricavi del 244% negli ultimi tre anni. Poiché le classifiche di quest’anno sono state calcolate utilizzando i dati dal 2016 al 2019, non riflettono le gravi ricadute economiche causate dalla pandemia COVID-19 in corso. La società di notizie ed eventi economici sulla marijuana con sede in Colorado è entrata per la prima volta nella lista Inc. 5000 al numero 302 nel 2016 e ha ottenuto un posto nel 2017 (528), 2018 (837) e 2019 (1.421).

American Shaman apre un punto vendita CBD all’interno di una catena di supermercati  

Il produttore e rivenditore di CBD American Shaman ha aperto un negozio al dettaglio all’interno di un negozio di alimentari nel Missouri, dove ha sede l’azienda. La società ha detto che il negozio di 550 piedi quadrati è stato aperto all’inizio di agosto all’interno di un Ball’s Price Chopper di Kansas City e sarà gestito da dipendenti Shaman. American Shaman ha affermato in un comunicato stampa mercoledì scorso che questo “è il primo negozio di CBD ad essere situato all’interno di un franchising di supermercati multi-store nel Paese“. L’azienda prevede di vendere circa 160 prodotti, inclusi topici e ingeribili. American Shaman ha detto che il droghiere potrebbe espandere il concetto di negozio senza negozio se funziona nella sede del processo di Kansas City.

Marchio USDA: i coltivatori della canapa non hanno perso abbastanza denaro per ricevere l’assistenza per il Coronavirus                                        

I funzionari federali del settore Agricoltura hanno stabilito che i coltivatori della canapa non si qualificano per ottenere il diritto di accesso ad un fondo da 16 miliardi di dollari destinato agli agricoltori che hanno visto un calo dei prezzi a causa del nuovo coronavirus. Sulla base dei dati che rappresentano i prezzi in azienda da gennaio ad aprile 2020, il prezzo nazionale per i raccolti di canapa diminuisce durante il primo trimestre del 2020, secondo un avviso federale pubblicato venerdì dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Tuttavia, il prezzo aggregato è stato solo una diminuzione dell’1%, che non ha soddisfatto la diminuzione del 5% o più del prezzo per l’idoneità al Programma di assistenza alimentare per il Coronavirus. Il prezzo nazionale, secondo l’USDA, è rappresentato dalla media di cinque punti medi di riferimento della biomassa di canapa regionale. L’agenzia non ha specificato la fonte di questi benchmark regionali. L’USDA ha annunciato a fine maggio che i 16 miliardi di dollari stanziati per gli agricoltori che hanno perso denaro a causa del coronavirus hanno escluso alcune colture, tra cui canapa e tabacco. L’agenzia ha affermato che gli agricoltori che coltivano canapa e tabacco potrebbero essere idonei se possono dimostrare di aver subito un calo dei prezzi del 5% o superiore da gennaio ad aprile 2020 e devono affrontare costi di marketing aggiuntivi a causa della pandemia di coronavirus.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore