domenica, Gennaio 24

Borsa: canapa, Canada e USA iniziano con ottimismo il 2021 Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Canada e USA -ovvero le due principali piazze borsistiche per quel che riguarda la produzione, il trattamento e la commercializzazione della canapa- nella settimana che conclude all’8 gennaio 2021, aprono entrambe con valori nettamente positivi e sembrano cogliere favorevolmente il cambio della guardia alla Casa Bianca con il nuovo Presidente Biden e soprattutto il nuovo spirito ottimista che si è diffuso in quest’inizio d’anno in tutto il contesto borsistico mondiale.

Indice Marijuana Canada 212.33

In data 8/1/2021 è

Positivo: +7,02

Costituenti: 14

Cambio: 3,42%

Prezzo di apertura: 216.36

Volume Totale: 780.16 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

31 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 185.23

4 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 173.74

5 gennaio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 183.02

6 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 209.07

7 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 214,34

7 gennaio2021 ore 3,37 PM raggiunto 212.36

Indice Marijuana Stati Uniti 101.47

In data 8/1/2021

Positivo: +4,27

Costituenti: 27

Cambio: 4,39%

Prezzo di apertura: 101.92

Volume Totale: 38.72 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

31 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 85,27

4 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 86,46

5 gennaio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 88.23

6 gennaio 2021 ore 10,00 AM raggiunto 99.17

7 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 101.35

7 gennaio 2021 ore 3,50 PM raggiunto 101,47

Andamento borsistico aggiornato in data 8 gennaio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data dell’8 gennaio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

La nuova legge del Michigan consente ai veterinari di discutere le opzioni di CBD con i proprietari di animali domestici    

Il Governatore del Michigan ha firmato una legge per consentire ai veterinari di parlare con il proprietario di animali domestici sulla somministrazione di cannabis ai propri animali per uso terapeutico. I legislatori del Michigan hanno approvato la proposta a dicembre e consentono ai veterinari di “consultarsi” con i proprietari di animali domestici sull’uso di prodotti a base di marijuana o canapa per i loro animali domestici, secondo quanto riportato dalla Oakland Press venerdì. Le vendite di prodotti CBD per animali domestici stanno registrando una crescita enorme, secondo il gigante dell’analisi di mercato Nielsen Global Connect. La crescita arriva poiché la Food and Drug Administration degli Stati Uniti, che sovrintende agli alimenti e ai farmaci per animali domestici, nonché a quelli per il consumo umano, deve ancora autorizzare il CBD per gli animali domestici. Nielsen ha intervistato 100 veterinari ad aprile e ha scoperto che hanno una maggiore consapevolezza rispetto ai medici sul CBD.

L’azienda della canapa dell’Alabama lancia un nuovo impianto di lavorazione delle fibre        

BastCore, un’azienda di fibre di canapa con sede in Alabama, ha trasformato un ex impianto a vapore fuori dalla capitale di Montgomery in un impianto di lavorazione, uno dei primi negli Stati Uniti a offrire un anello chiave nella catena di approvvigionamento tra gli agricoltori dell’Alabama e la canapa derivata produttori di prodotti. Il mese scorso i lavori elettrici finali erano in corso all’interno dell’impianto di elaborazione, ha riferito il Montgomery Advertiser, ei co-fondatori di BastCoreColeman Beale e McMillan Arrington hanno affermato che miravano a rendere l’impianto operativo entro l’inizio dell’anno.”Vediamo questa come l’opportunità di essere davvero il centro della canapa industriale”, ha detto Beale al notiziario. “Quello che abbiamo scoperto è che non esiste letteralmente alcuna infrastruttura per la lavorazione della canapa industriale per le fibre negli Stati Uniti”. Secondo il rapporto, l’impianto di lavorazione di 60.000 piedi quadrati utilizzerà la canapa locale per produrre fibre, trucioli e altri materiali da utilizzare in diversi settori. BastCore ha trascorso lo scorso anno a fornire allo stabilimento macchinari di proprietà.

La causa per la canapa da fumo in Texas è rimandata a marzo    

Una sfida legale incombente al divieto del Texas sulle vendite di canapa fumabile è stata rinviata a marzo. Livingston, giudice del tribunale distrettuale della contea di Travis, ha riprogrammato l’udienza per il divieto di canapa fumabile al 22 marzo 2021. L’udienza era stata fissata per il 1 ° febbraio. Il ritardo è stato segnalato per la prima volta dal Texas Cannabis Collective. Viene su richiesta dei querelanti, un gruppo di produttori di canapa che affermano che le autorità sanitarie del Texas si sono spinte troppo oltre nel vietare le vendite di canapa fumabile. Il Texas Department of State Health Services afferma che il divieto era richiesto dalla legge. Il divieto è entrato in vigore ad agosto ma non è stato applicato. Livingston ha bloccato l’esecuzione fino a quando la questione non poteva essere risolta in tribunale. La disputa del Texas è il primo tentativo di contestare un divieto di canapa fumabile attraverso i tribunali statali, piuttosto che la magistratura federale. Nel sistema federale di quello stato è in corso una causa per contestare un divieto simile in Indiana.

La società fallita GenCanna fa causa contro MedTerra e definisce la società CBD un “partner a lungo termine”      

GenCanna, una società di canapa e CBD del Kentucky che ha presentato istanza di fallimento per il Capitolo 11 a febbraio, ha intentato una causa contro la società di CBD Medterra per fatture non pagate del valore di $ 4,5 milioni. GenCanna, ora nota come OGGUSA Inc., aveva citato in giudizio Medterra il mese scorso, sostenendo che quest’ultima non era riuscita a pagare le spedizioni di estratti di CBD e altri prodotti che accettava, secondo quanto riportato da Law360. La denuncia diceva che Medterra era agganciata per più di una dozzina di fatture non pagate risalenti a giugno 2019. Il conto più alto, per una spedizione di CBD cristallino, è arrivato a poco meno di $ 3 milioni. La causa è stata archiviata il 30 dicembre, come mostrano i documenti del tribunale. Secondo il rapporto Law360, GenCanna ha affermato che la causa era “basata su un’errata interpretazione di fatti e circostanze” e che la società aveva risolto la controversia, affermando in una dichiarazione che avrebbe collaborato con Medterra come “partner a lungo termine”. La società ha rifiutato di commentare ulteriormente, afferma il rapporto.

Biden sul punto di eleggere Merrick Garland al ruolo di Procuratore Generale a sovrintendere la DEA            

Il presidente eletto Joe Biden ha optato per Merrick Garland come suo candidato per il procuratore generale degli Stati Uniti, secondo quanto riferito mercoledì da più organizzazioni di stampa, toccando un giudice federale per sovrintendere al Dipartimento di giustizia, che include la Drug Enforcement Administration. Garland, giudice capo della Corte d’Appello degli Stati Uniti a Washington DC e scelta democratica di entrare a far parte della Corte Suprema degli Stati Uniti nel 2016, guiderebbe le forze dell’ordine della nazione se confermato dal Senato. La canapa è regolamentata dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, non dal Dipartimento di Giustizia. Ma quando le piante di canapa superano lo 0,3% di THC, come fanno comunemente alcune cultivar, la pianta è considerata una droga illegale della Tabella 1. Ciò conferisce al Dipartimento di Giustizia e al procuratore generale un’influenza continua su come la canapa è regolamentata. Il Dipartimento di Giustizia esercita anche una grande influenza sull’industria della marijuana. La scelta di Garland farà sì che molti nel settore della cannabis si chiedano quale approccio avrà all’industria legale della marijuana, data la relazione ancora discutibile tra la legge federale e le società MJ legali. Ma nel 2016, quando l’ex presidente Barack Obama scelse Garland per la Corte Suprema, diversi addetti ai lavori del settore MJ dissero che le loro impressioni su di lui erano favorevoli, basandosi esclusivamente su una dichiarazione che aveva fatto di basare le decisioni scientifiche su una scienza solida.

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore