sabato, Agosto 24

Bondage: segreti, consigli e pratiche I soggetti che lo praticano con una certa regolarità risultano essere uomini e donne maggiormente sicuri e appagati. Nella coppia aiuta ad essere più complici

0

Il sesso è da sempre un’arte che non tutti riescono a esprimere al meglio. Ci sono tanti, anzi troppe cose che spesso non vengono dette nella coppia e rimangono anche le fantasie insoddisfatte, le curiosità non appagate e le emozioni non provate. Tutto questo portano solo ad allontanarsi.

Una delle pratiche che spesso non viene presa in considerazione è il Bondage, siglato come BDSM, un pochino è colpa anche di film che gli hanno dato un significato di perversione o di violenza, ma non è così. Per essere una perfetta coppia Bondage occorre che ci sia molto complicità tra chi lo esegue, si deve essere assolutamente consenzienti e fare un gioco di ruoli.

Solitamente la mistress è colei che gioca ad essere la dominatrice ed identifica comunque un sesso forte, che ha un ruolo autoritario e dittatoriale. Sicuramente, in questo gioco erotico, essa è colei che decide e comanda, ma anche che aiuta ed istruisce.

Consigli per un perfetto Bondage

Il termine bondage significa schiavo o colui che serve, ma nel gioco erotico indica la persona che ha deciso di essere lo schiavo della propria mistress. La sua ubbidienza è totale, non si lagna, non dice mai di no e soddisfa al meglio la sua padrona. Per eseguire questo gioco di ruoli, i due partecipanti devono essere legati materialmente e soprattutto psicologicamente, altrimenti esso diventa serio e non si riesce a godere appieno.

Le pratiche sono quelle più svariate. Si parte con il semplice ubbidire a qualche capriccio come un capo intimo particolare, un trucco pesante, parole molto spinte ed offese nel momento del rapporto sessuale che hanno l’obiettivo di dare sfogo a tutte le forme di dominazione ma anche ad aumentare l’eccitazione. Ci sono tanti modi per essere spinti e occorre essere molto decisi.

Il bondage non ammette indecisione o scuse. Occorre che la mistress dia i suoi ordini e che lo schiavo ubbidisca. Nel rapporto sessuale i ruoli vengono ripristinati poiché la mistress, solitamente la donna, vuole raggiungere l’orgasmo e quindi fa richieste che possono anche far scoprire un lato nascosto.

Nella psicologia primordiale, conosciuto come istinto primitivo, durante il sesso la donna desidera sentirsi sottomessa, in modo consapevole, e si affida completamente all’uomo. Mentre l’uomo desidera essere il dominatore e quindi colui che controlla l’orgasmo della donna. Il sesso è un’arte che non deve essere confusa con un rapporto in silenzio e noioso tra due persone, deve essere una scoperta al piacere!

I bondage porta realmente a giungere a questa scoperta. Per avvicinarsi a questa disciplina potete usare anche i diversi livelli che partono dal soft a quello very hot.  

I gradi del Bondage

Siete una coppia pluriennale annoiata? Avete bisogno di dare una scossa al vostro rapporto sessuale? Desiderate sentirvi seducenti e appagare le vostre curiosità sul sesso? Volete essere delle perfette mistress? Avete bisogno di sapere fin dove potete spingervi? Iniziate con il bondage soft.

Possiamo dire che questa pratica sessuale del bondage si suddivide in 3 livelli principali.

Il primo livello di quest’arte del sesso sono molto semplici. Si inizia con indossare capi molto spinti, su internet ne trovate diversi e li potete ordinare in totale anonimato. Le catsuite sono quelli che aiutano ad avere un aspetto spinto, hot, molto osé che aiutano anche il proprio ego a divenire ‘volgare’. Usate anche tacchi a spillo molto alti per essere maggiormente provocanti.

Durante il rapporto sessuale, nella versione soft, potete usare delle manette per essere legati al letto e iniziate con parole molto spinte anche per sapere quale sia l’effetto che hanno tra lui e lei. Cambiate spesso posizione e non vergognatevi di chiedere quello che vi passa per la mente.

Il secondo livello è molto intrigante. Occorre che vi spingiate oltre, iniziate a guardare qualche film porno insieme proprio durante il rapporto sessuale. Devono aumentare le ‘offese’ per eccitarvi e iniziare i comandi di ubbidienza. In questa seconda parte, deve iniziare ad esserci chi comanda e chi ubbidisce. Usate anche le mani, qualche sculacciata non manda all’ospedale. Guardare anche libri dove ci sono posizioni particolari è molto utile.

La terza versione è quella hot. Siamo giunti all’uso di giochini erotici per lui e per lei. Ci sono pratiche come la masturbazione a vicenda, l’uso di corde, l’aumento del desiderio senza raggiungere l’orgasmo e la mistress che comanda lo schiavo in modo sempre più deciso. Pratiche fetish che devono avere un unico obiettivo il giogo di ruolo. Il sesso sarà sicuramente più audace e violento. Una rappresentazione grafica puoi trovarla qui.

In alcune coppie, per riuscire a controllare la violenza, si usa avere una parola d’ordine ed anche questo aiuta la coppia ad eseguire una perfetta pratica bondage.

La mistress, ecco la dominatrice

Ogni uomo desidera essere dominato, controllato e guidato anche in modo spietato per essere dei servitori e fedeli cagnolini della donna del loro desiderio. Prima cosa bisogna poter trovare la mistress e dominatrice giusta e FetishEros.com è il riferimento online per gli annunci delle mistress a Roma Torino Milano Bologna Firenze.

Più gli uomini sono dominati più aumentano le loro fantasia sessuali che si sfogano nel momento del sesso. Infatti, secondo uno studio di psicologia, gli uomini riescono a godere maggiormente dopo una pratica bondage perché, dopo essere stati sottomessi, riescono a soddisfare la loro mistress provando piacere sia nell’orgasmo, emotivamente e mentalmente.

Tuttavia occorre che la mistress sia realmente ‘cattiva’ e spietata, altrimenti il gioco di ruolo e la pratica bondage diventa ridicola e non appaga pienamente.

Per essere una dominatrice non ci si deve vergognare delle proprie fantasie sessuali. Per essere una mistress occorre non avere tabù e quindi si devono perdere le inibizioni sessuali che sono state imposte da educazione e società.

Vuoi essere una mistress reale? Iniziamo con la masturbazione personale di fronte al proprio schiavo. Usare intimo e giochi erotici mentre il ‘dominato’ ci osserva senza che possa toccarci e godere da sole, sotto i suoi occhi che ardono di desiderio. Imponete la vostra volontà dando ordini specifici.

Una delle pratiche che aiutano a dare potere alla mistress è quella di ordinare al proprio schiavo di farsi vedere mentre si masturba e farlo smettere poco prima che raggiunga l’orgasmo. Legarlo e farsi leccare sulle gambe o sul collo, ma senza mai concedersi del tutto. In questo gioco di “tira e molla”, l’uomo diventa sempre più succube e arrendevole.

La mistress ha potere esclusivamente durante la pratica sessuale e non deve essere arrogante o violenta quando si ritrova in mezzo ad altre persone perché in questo modo si danneggia la psicologia maschile che suddivide la pratica sessuale dalla vita sociale.

Riassumendo possiamo dire che la mistress è il nostro volto nascosto. Il volto sessuale, da prostituta che si accende e si sfoga nel momento che vuole raggiungere l’orgasmo, diventando molto egoista. Il sesso per lei è piacere puro e lo fa perché gli piace! Per essere una perfetta mistress dovete essere dominatrici e usare il vostro schiavo come un giocattolo, senza troppa importanza.

Parola d’ordine e comando

Prima si è accennato alla parola d’ordine. Solitamente nella pratica del bondage non si giunge mai ad un libello alto di masochismo e sadomasochismo, tuttavia la sua evoluzione ed un eventuale sesso violento, potrebbe giungere ad alti livelli, sempre consenzienti.

Non solo, in alcuni casi, l’eccitazione e la “tortura” psicologica possono realmente essere cosi forti da provocare dei dolori ed è per questo che si usa una parola d’ordine che è fa terminare immediatamente il gioco.

Essa deve venire decisa tra la coppia e non deve avere nulla di eccitante. Se mentre state consumando il rapporto sessuale e siete legati con delle corde che possono essere troppo strette potete usare la parola d’ordine per finire il gioco.

Usate spesso le mani oppure anche corde attorno al collo o mani che stringono eccessivamente? Non c’è nulla di male, ma nel rapporto sessuale è possibile perdere il controllo e se amate un sesso particolarmente violento occorre una parola d’ordine per non rischiare dei lividi o che stiate scomodi senza raggiungere l’orgasmo.

Il bondage è molto antica usate dalle matrone romane con i loro gladiatori ed è perdurata fino a noi. Si tratta di una spinta istintiva nel sesso che non deve mai essere soppressa per non avere delle insoddisfazioni sessuali che giungono a sfociare in frustrazione, scoppi di ira o atti violenti sul lavoro.

Secondo molti studi psicologici che hanno portato a comprendere gli stati d’ansia, gli attacchi di panico e altri elementi degeneranti per la salute psicofisica, spesso è stato evidenziato un problema di insoddisfazione nella sfera sessuale.

I soggetti che praticano il bondage con una certa regolarità risultano essere uomini e donne, maggiormente sicuri e appagati e questo si riscontra anche nella vita di tutti i giorni. Si ha una mente maggiormente libera ed aperta, si accettano le sfide giornaliere con una certa autostima, diminuisce notevolmente l’ansia e, allo stesso tempo, si ha una maggiore consapevolezza della propria sessualità.

Nella coppia, la pratica bondage, aiuta ad avvicinare la coppia, ad essere complici ma non solo. Si è amanti e migliori amici uno dell’altro, si ha un riavvicinamento e ci sono ruoli ben definiti. Nella donna si ha sempre un ruolo di autostima alto ed un accentuare della propria femminilità. Nell’uomo ci si sente sicuri e forti.

In poche parole il bondage fa bene!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore