mercoledì, Settembre 30

Bombe in batterie? Ecco cosa sono e cosa possono fare

0

Laptop, tablet e qualsiasi altro dispositivo elettronico le cui dimensioni siano più grandi di quelle di uno smartphone dovranno viaggiare nei bagagli da stiva e non in cabina nei voli diretti negli Stati Uniti e in arrivo da otto Nazioni prevalentemente musulmane. È quanto prevede l”Electronics ban‘ annunciato dall’Amministrazione Trump nelle scorse ore.

Il divieto sarebbe il risultato delle informazioni raccolte durante il raid condotto dalle forze americane lo scorso gennaio contro al-Qaeda in Yemen. Dal materiale sequestrato durante l’operazione in Yemen è emerso che i jihadisti dell’organizzazione sarebbero riusciti a svilupparebombe-batteria’, inseribili nei laptop e in altri dispositivi elettronici e sufficientemente potenti da abbattere un aereo. Queste bombe devono, però, essere innescate manualmente, così si spiega perché il divieto riguardo solo la cabina passeggeri e non i bagagli nella stiva.

I Paesi coinvolti sono Giordania, Emirati arabi uniti, Egitto, Turchia, Arabia saudita, Kuwait, Qatar e Marocco, mentre le compagnie aeree sono Royal Jordanian, Emirates, Egypt Air, Turkish Airlines, Kuwait Airlines, Qatar Airways, Emirates, Etihad e Royal Maroc.

Ma cos’è unabomba-batteria’? Quali danni può davvero provocare? Al Qaeda e IS sono veramente in grado di produrle?  Per rispondere a queste domande abbiamo raggiunto telefonicamente Denise Serangelo, responsabile del programma di ricerca Difesa e Sicurezza di Alpha Institute of Geopolitics and Intelligence. Si occupa dell’analisi tecnica dei sistemi d’arma e dell’impiego dei dispositivi di sicurezza, dell’esercito e privati, in aree d’operazione. Per L’Indro segue le vicende militari e politiche della Libia, in cui è specializzata, ed analisi tecniche inerenti al mondo della Difesa e della Sicurezza.
Segue sotto l’intervista:

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.