venerdì, Luglio 10

Best Buy mette fine all’era dei cd (ma non a quella del vinile) Le vendite dei vinili hanno raggiunto un livello record nel 2017, rappresentando il 14% di tutte le vendite di album fisici

0

E’ arrivato il giorno: una catena americana, la Best Buy, ha deciso che smetterà di vendere cd musicali, vista l’avanzata delle piattaforme streaming. Negli Stati Uniti le vendite di questo supporto tecnologico sono diminuite del 18% nel 2017.

Billboard‘ spiega che Best Buy ha informato i fornitori di musica che toglierà i cd dagli scaffali il primo luglio prossimo. Ad oggi i guadagni dovuti alle vendite di cd sono stati superati da quelli in streaming, anzi questa soglia è già stata superata dal 2015. Basta vedere alcuni numeri: i servizi di streaming musicale come Spotify e Apple Music in abbonamento sono aumentati di oltre il 60% nel 2017.

Il compact disc arrivò sul mercato a inizia degli anni Ottanta e soppiantò il vinile. Stavolta però il percorso sarà inverso. Infatti Best Buy ha deciso che continuerà a vendere dischi in vinile: le vendite di questo formato hanno raggiunto un livello record nel 2017, rappresentando il 14% di tutte le vendite di album fisici. Insomma da una parte ci si proietta verso il futuro, dall’altra si torna al passato.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.