lunedì, Gennaio 27

Benessere durante il ciclo: i nostri consigli Ogni donna deve innanzitutto conoscere il proprio corpo per adottare i rimedi più adatti

0

Quattrocentocinquanta. Questo è il numero medio di cicli che una donna deve aspettarsi nella vita, a cadenza più o meno regolare ogni 28 giorni circa, a seconda delle proprie condizioni fisiche.

La salute di ogni essere umano necessita di ascolto e conoscenza di sé per intervenire senza urtare il prezioso e delicato equilibrio che ci governa.

Per quanto riguarda il ciclo mestruale, questo consiglio vale ancora di più: le mestruazioni regolano il corpo della donna, sottoponendolo ad una serie di cambiamenti che influiscono sulla vita quotidiana di ognuna. Tra gli aspetti negativi che caratterizzano questo periodo non solo troviamo i dolori che accompagnano il ciclo mestruale, ma anche un piccolo scompenso a livello psicologico, causato dai cambiamenti ormonali.

La dismenorrea – il termine con cui vengono indicati i forti dolori provocati dal ciclocolpisce circa 8 donne su 10; tra queste, il 30% vede un peggioramento significativo della capacità di svolgere le normali attività giornaliere.

Linsorgenza dei dolori mestruali, sempre che non ci siano patologie particolari come lendometriosi, è dovuta alla produzione di prostaglandine da parte dellendometrio, che quando è molto elevata determina le fastidiose (e in alcuni casi particolarmente dolorose) contrazioni uterine, i crampi tipici dei primi giorni del ciclo, che servono al corpo per disgregare e far uscire lendometrio stesso.

Gli antidolorifici sono sufficienti in caso di mestruazioni dolorose non accompagnate da altre complicanze (per cui è necessario attuare misure diverse sotto controllo medico). I FANS, acronimo di farmaci anti-infiammatori non steroidei, dalleffetto antinfiammatorio e analgesico, rientrano in questa categoria e presentano diversi principi attivi; ketoprofene, paracetamolo e ibuprofene sono tra i più comuni.

Gli analgesici a base di ibuprofene, come Buscofen, combattono i sintomi correlati al ciclo mestruale:crampi intensi, fitte dolorose nella zona dei reni, emicrania, sono manifestazioni tipiche che possono comparire prima dellinizio del ciclo e possono estendersi da un paio di giorni fino a tutta la durata. Variano per intensità da donna a donna e cambiano nel corso della vita.

Oltre alluso di analgesici, è utile accompagnare lantidolorifico a una serie di buone abitudini che aumentano il benessere quotidiano e donano un po’ di sollievo durante la fase più dolorosa.

Per rilassare la muscolatura nel basso ventre e nella fascia lombare, una borsa dellacqua calda, il riposo, una dieta ricca di magnesio e calcio e lassunzione di bevande calde, favoriscono la riduzione della tensione addominale e aiutano a contrastare leffetto negativo di altri sintomi spiacevoli che insorgono durante mestruazioni, come il gonfiore alla pancia, la ritenzione idrica e la sensazione di forte spossatezza dovuta alla perdita di ferro.

La soglia di sopportazione del dolore varia da donna a donna, per questo motivo ognuna deve innanzitutto conoscere il proprio corpo per adottare i rimedi più adatti, dalle tecniche di rilassamento addominale allassunzione di analgesici, consapevole che il corso più o meno doloroso della sindrome premestruale e delle mestruazioni stesse dipende da fattori diversi, non si presenta ogni mese allo stesso modo ed è condizionato dalle proprie condizioni di salute e dallo stress a cui siamo sottoposte.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore