giovedì, Aprile 2

Barcellona, ecco la moneta virtuale Rec Si tratta di un progetto pilota di una valuta cittadina digitale, che per ora si applica solo per 10 distretti sul confine orientale della città

0

Barcellona ha rilasciato questo mese una propria moneta, il Rec, con l’avvio della circolazione dell’equivalente di un milione e mezzo di euro. Si tratta di un progetto pilota di una valuta cittadina digitale, che per ora si applica solo per 10 distretti sul confine orientale della città. L’idea iniziale è cambiata nel corso dei tre anni di gestazione.

La Rec è finanziata con fondi europei. Alle migliaia di famiglie che parteciperanno sarà dato il 25% di questa valuta a Barcellona che potrà spendere solo in negozi, ristoranti, associazioni e iniziative dei 10 distretti che partecipano.

Come in altre città con la valuta locale, come Bristol, Lisbona e di Santa Coloma de Gramanet, la ‘vocazione’ della Rec è quella di stimolare l’acquisto nella periferia. In quartieri come Baró de Viver (Sant Andreu) o Vallbona (Nou Barris), dove la chiusura dei negozi è stata una costante degli ultimi due decenni, i negozianti sopravvissuti cercheranno con questo progetto di ‘sopravvivere’.

Il suo valore è una diretta correlazione con l’euro: un Rec sarà uguale sempre a un euro. Non si avrà la versione stampata e sarà basato sulla tecnologia di sicurezza blockchain.

(video tratto dal canale Youtube di El Pais)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.