domenica, Novembre 17

Bangladesh e Vietnam a breve più forti di Cina e India?

0
1 2


I piani di investimento e gli studi che via via vengono condotti da banche e società interessate ad investire nel Mondo, sono criteri di valutazione cui fanno riferimento entità improntate alla differenziazione del proprio portafoglio-investimenti ma anche alla caccia perenne di nuovi scenari geografici dove investire. Le aree dei Paesi BRICS e ASEAN finora hanno mostrato segni di concretizzazione e stabilizzazione sotto i vari indici economico-finanziari già da tempo. Ora, però, si affacciano nuovi competitor ‘emergenti’ in Africa e in Asia, e per i meno avvezzi a tutto questo può sembrare sorprendente che il Vietnam sia già parecchio avanti in quanto ad essere Paese ‘emerso’ e quanto sia sempre più avanti nel suo sviluppo un Paese come il Bangladesh che spesso è ancora fissato nella mente dei più come una Nazione povera e reietta.

Su questi temi sottoponiamo delle domande a Salvatore Parisi, operatore finanziario esperto in particolar modo nell’area thailandese e Sud Est asiatica, già Vice Presidente della Camera di Commercio di Phuket (Thailandia) ed oggi operatore del settore immobiliare, da un quarto di secolo, oltre che consulente finanziario. Lavora per Italnova Company Ltd (Bangkok, Thailandia) e -già membro nazionale ANAMA  l’Associazione Nazionale degli Agenti e Mediatori d’Affari aderente alla CONFESERCENTI- oggi è Presidente di IRA – THAI, sezione thailandese di IRA Italian Russian Association. Una figura professionale, quindi, particolarmente attenta e sensibile alle mutazioni degli scenari per investimenti e che conosce quanta parte d’evoluzione c’è stata nell’evoluzione dei mercati di settore.

 

Secondo stime e progettualità del Fondo Monetario Internazionale, alcune Nazioni oggi considerate ‘emergenti’, quali Costa d’Avorio, il Bangladesh, il Kenya e il Vietnam sono in corsa per il loro notevole tasso di sviluppo superando la Cina e l’India. Il che ha creato molta perplessità nell’opinione pubblica. Qual è il suo punto di vista a riguardo?

I mercati emergenti non sono più un’unica asset class indistinta: nel 2017 sono avvantaggiati i paesi dai solidi fondamentali come Indonesia, Vietnam, Russia, Brasile e Colombia. Negli ultimi 5 anni l’investitore che ha sovrappesato il debito emergente ne ha ricavato un beneficio non indifferente.  Basti pensare che mentre l’indice generale dei fondi obbligazionari ha registrato una performance quinquennale del +16% (pari al +3,01% annuo composto) quella relativa ai fondi obbligazionari paesi emergenti si è attestata a +24,05% (pari al +4,4% su base annua). Una scelta, però, che avrebbe comportato un maggior rischio in quanto le oscillazioni dei fondi obbligazionari sul debito emergente (pari al 5,37%) sono risultate superiori a quelle di un comune fondo obbligazionario (2,32%).

 

Nello specifico, circostanziando al quadrante asiatico e Sud Est asiatico, il Bangladesh ed il Vietnam sono già parte essenziale del ‘motore’ produttivo ed economico mondiale. Il Bangladesh è oggi la fabbrica principale nel settore dell’abbigliamento e dei tessuti, il Vietnam ormai primeggia nell’esportazione del riso e dei prodotti derivati rivaleggiando ampiamente con la Thailandia, tanto per fare due esempi.

Ovviamente il basso costo della manodopera locale (rispetto ai prezzi rintracciabili a livello globale) sono parte dei vantaggi offerti da queste economie.

 

Ritiene che questo tipo di sviluppo sia duraturo (visto che il FMI ritiene che entro il 2021 possano competere nientemeno che con India e Cina) oppure vi siano fattori di instabilità?

 Non credo ci siano fattori di instabilità in quanto l’investimento nei mercati emergenti fa affidamento principalmente su tre fattori. Il primo è la crescita globale, che in base alle stime del FMI (Fondo Monetario Internazionale) dovrebbe accelerare dello 0,5%, dal 3% al 3,5%. Il secondo è il rialzo delle quotazioni delle materie prime, grazie alla stabilizzazione della Cina e dei mercati globali.  Infine, vi sono le ragioni di scambio. Quest’ultimo fattore rappresenta la maggiore incognita del 2017 poiché non siamo sicuri di quali saranno le politiche commerciali e protezionistiche, così come non sappiamo quali ripercussioni avranno sul mondo emergente. Credo che nel momento in cui le politiche commerciali si rivelino meno pesanti rispetto a quanto temuto, i mercati emergenti potrebbero registrare ottime performance nel 2017, specialmente se si considera che i loro fondamentali economici hanno già iniziato a migliorare.

Continua a pagina 2.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore