sabato, Luglio 4

Banda ultra larga in Italia: utilità, situazione attuale e sviluppi futuri L’Italia porta avanti un piano che punta a fornire all’85% della popolazione una connessione a 100 Mbps entro la fine del 2020 e una connessione di almeno 30 Mbps a tutti i cittadini

0

La connessione a Internet è ormai divenuta essenziale ai giorni nostri: la rete ci permette di comunicare con amici e parenti lontani, lavorare da remoto, restare sempre aggiornati sulle ultime novità dal mondo, e non solo. Internet, infatti, offre anche grandi possibilità di intrattenimento, dai giochi online ai servizi in streaming, come Netflix, Spotify e NowTV. Per viaggiare rivolti al futuro, è dunque indispensabile avere a propria disposizione una rete dalle ottime prestazioni, in grado di supportare più dispositivi alla volta. In un mondo interconnesso come il nostro, nelle più comuni case sono senza dubbio collegati alla rete WiFi più dispositivi per persona, dallo smartphone al computer, senza dimenticare console per videogiochi, smart device come le TV moderne o Google Home e Amazon Alexa.

L’Italia, a partire dal 2015, porta avanti un piano per la banda ultra larga che punta a fornire all’85% della popolazione una connessione a 100 Mbps entro la fine del 2020 e una connessione di almeno 30 Mbps a tutti i cittadini. Ma quali possibilità può offrire la rete ultraveloce? E qual è lo stato attuale dei lavori? Scopriamolo insieme.

I mille usi della banda ultra larga

Internet veloce, come menzionato in precedenza, permette di usufruire di numerosi servizi alle migliori prestazioni possibili, aprendo un nuovo mondo di possibilità. Una connessione di questo genere consente di lavorare da casa senza compromessi: i programmatori, ad esempio, possono sviluppare i propri progetti e restare in contatto con il team, il tutto senza perdere del tempo prezioso per raggiungere il posto di lavoro in città o in provincia. Allo stesso modo, le possibilità legate all’home entertainment sono pressoché infinite: si può infatti guardare un film o una serie TV in streaming scegliendo dall’ampio catalogo di Amazon Prime Video, di Netflix o di uno tra i tanti servizi on-demand disponibili in Italia. Si può giocare altresì con gli amici ai propri videogiochi preferiti, dalla popolare simulazione calcistica FIFA 20 alla battle royale di uno dei titoli più apprezzati del momento, Fortnite. Il gioco, sviluppato da Epic Games, conta oltre 350 milioni di giocatori registrati. Non mancano poi i giochi facilmente accessibili da browser, sia da PC che da smartphone, in grado di accontentare ogni singola preferenza. Su Betway Casinò sono disponibili centinaia di giochi da casinò, dalle slot machine classiche a quelle ispirate a film e serie TV, come Game of Thrones. Si può inoltre giocare a poker, a blackjack o alla roulette. Su Gioco.it, invece, si possono trovare titoli di vario genere, dagli MMO al Mahjong, ma anche puzzle game, giochi di società, multiplayer e strategici. I più popolari sono facilmente consultabili sulla home page del sito.

Internet veloce per gli italiani

Il Piano Banda Ultra Larga italiano è coordinato da Infratel, società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico operativa dal 2005. Il suo obiettivo è quello di favorire la creazione di infrastrutture a banda larga nelle aree a fallimento di mercato, in modo da promuovere lo sviluppo dell’intera rete della nostra nazione. Dall’avvio del progetto a oggi, la società ha finanziato circa 4000 interventi, la maggior parte dei quali già portati a termine. Al momento, secondo i dati rilevati da Agcom, la banda a 30 Mbps è a disposizione di quasi il 60% dei cittadini, mentre una connessione maggiore o uguale a 100 Mbps è a disposizione del 27,4% della popolazione. All’interno di quest’ultimo gruppo, solo il 17,3% può godere di una velocità di connessione compresa tra i 100 e i 500 Mbps, mentre una rete superiore a 500 Mbps è disponibile per il 10,1% degli italiani. Open Fiber, società vincitrice dei bandi per la realizzazione delle infrastrutture a banda ultra larga nel nostro Paese, mette a disposizione dei cittadini un pratico sito per verificare la velocità di connessione disponibile presso il proprio indirizzo. È sufficiente compilare i campi richiesti per ottenere i risultati desiderati, assieme alle offerte erogate dalle aziende partner. In questo modo, i prezzi delle singole tariffe possono essere facilmente messi a confronto, per operare una scelta ponderata.

IMAGE SOURCE: pixabay.com

L’Italia è tra le nazioni che più stanno investendo nello sviluppo della banda ultra larga, come testimonia un recente report dell’Unione Europea. Il prossimo step? Garantire all’intera popolazione una connessione a 100 Mbps, fornendo fino a 1 Gbps nelle aree strategiche come scuole, aeroporti, stazioni e ospedali, il tutto entro il 2025. Un piano certamente ambizioso, ma non per questo irrealizzabile: la chiave per una buona riuscita del progetto sta, come sempre, nel porsi nuovi obiettivi da raggiungere.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore