sabato, Agosto 8

Baghdad: tre attentati sconvolgono la città

0

Tre esplosioni scandite nel gironi poche ore devastano ancora una volta la città di Baghdad, oramai stremata dalla morsa incessante del terrorismo. Secondo l’ultimo bilancio trasmesso dalle autorità della capitale irachena sono almeno 93 le vittime complessive dei tre attentati terroristici. Nel primo attacco, rivendicato dall’Isis, avvenuto in mattinata  nel sobborgo sciita di Sadr City, durante il consueto mercato, sono rimaste ferite 87 persone e ne son morte 64, mentre nel secondo, avvenuto nei pressi del quartiere sciita di Kadhimiya, e nel terzo, localizzato nella zona di Al Yama ad ovest del capitale, il numero delle vite sale a quota 29. Poco più di una settimana fa, precisamente il 2 Maggio, un attentatore suicida a sud est della capitale aveva provocato la morte 22 persone, ferendone 30. Anche in quel caso le vittime furono prevalentemente sciite ovvero dei pellegrini sciiti che attraversavano il quartiere di al-Saidiya, che conduce al  mausoleo dell’imam Musa alKadhim, dove vengono celebrate numerose ed importanti commemorazioni a cadenza annuale. Dalle ultime stime pervenute dall’Onu sarebbero rimasti uccisi, solo nel mese di Aprile,  741 iracheni sono di cui 410 civili e 331 membri delle autorità di sicurezza locale. Se si torna indietro a Marzo il ‘conto’ accresce e diventa ancor più significativo con 1561 feriti conto le   1.119 vittime.

 

(Fonte video tratta da canale YouTube ‘BBC News‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore