domenica, Giugno 16

Auto per neopatentati, Citroën mette in campo una gamma per ogni genere di esigenza Per rispettare le norme del Codice della Strada, la casa automobilistica francese propone ai giovani modelli elettrici, city car, monovolume e veicoli commerciali

0

Le case automobilistiche pongono sempre più attenzione ai giovani, proponendo nella loro gamma di veicoli un crescente numero di soluzioni dedicate ai neopatentati.

L’articolo 117 del Codice della Strada, che si occupa di limitazioni alla guida, prevede che i neopatentati debbano guidare automobili che abbiano un rapporto tra il loro peso e la potenza superiore a 55 kW per tonnellata. In nessun caso però, la potenza del veicolo può superare i 70 kW corrispondenti a 95 cavalli.

Questa regolamentazione determina pertanto che, coloro che hanno appena conseguito la patente di guida, non possono condurre qualsiasi tipologia di automobile.

Per garantire anche ai giovani la possibilità di guidare in ottemperanza a quanto riportato dalla norma, Citroën offre una gamma di auto per neopatentati che rispettano i limiti di cilindrata e potenza stabiliti, dove è possibile trovare tanti modelli adatti ad ogni genere di esigenza: elettrici, city car, monovolume e veicoli commerciali.

La gamma Citroën per neopatentati prosegue poi con Citroën C3, automobile che si caratterizza per un design innovativo e originale, in cui trovano spazio anche inserti colorati ed elementi grafici inconfondibili.

Questo modello di vettura è guidabile, da coloro che hanno conseguito da poco la patente, nelle motorizzazioni benzina PureTech 68 e PureTech 82 S&S

Per coloro che amano le linee moderne dei SUV compatti, Citroën mette a disposizione dei neopatentati anche la versione PureTech 82 di C3 Aircross , caratterizzata da uno stile unico che unisce robustezza e originalità.

Chi ha invece necessità di avere un veicolo che garantisca una flessibilità di utilizzo tra il trasporto persone e merci, Citroën mette a disposizione E-Berlingo Multispace, dotato di tre sedili posteriori indipendenti ed estraibili, che può essere guidato da coloro che hanno conseguito da poco la patente grazie ad una motorizzazione al 100% elettrica nel pieno rispetto dell’ambiente.

Per i giovani che cercano un’automobile dal design unico e dallo stile raffinato, Citroën mette a disposizione E-Mehari, una rivisitazione del modello uscito nel 1968 che presenta un veicolo moderno, decappottabile, con un design iconico unico nel suo genere ed equipaggiato da una motorizzazione completamente elettrica.

Sempre nel campo dei veicoli elettrici, Citroën offre anche la city car C-Zero, caratterizzata da un impatto zero per emissioni inquinanti e sonore, da una velocità massima di 130 km/h, un’autonomia di 150 km e che offre inconfondibili doti di agilità e maneggevolezza che la rendono il mezzo ideale per muoversi in città.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore