Autore Massimo Conte Schächter

PhD Sociologo, scrittore per elezione e ricercatore per vocazione, inquiete persone ancora senza eteronimi di Pessoa. Curioso migrante di mondi, tra cui Napoli, Vienna, New York. Ha percorso solo per breve tempo l’Università, così da preservarlo da mediocrità ed ipocrisie, in un agone dove fidarsi è pericoloso. Tra decine di pubblicazioni in italiano ed in lingua si segnala l’unica ricerca sociologica al mondo sull’impianto siderurgico di Bagnoli, Conte M. et alii, 1990, L’acciaio dei caschi gialli. Lavoro, conflitto, modelli culturali: il caso Italsider di Bagnoli, Franco Angeli, Milano, Pref. A. Touraine. Ha diretto con Unione Europea e Ministero Pari Opportunità le prime indagini sulle violenze contro le donne, Violenza contro le donne, (Napoli 2001); Oltre il silenzio. La voce delle donne (Caserta 2005). Ha pubblicato un’originale trilogia “Sociologia della fiducia. Il giuramento del legame sociale” (ESI, 2009); “Fiducia 2.0 Legami sociali nella modernità e postmodernità” (Giannini Editore, 2012); “Fiducia e Tradimento. In web we trust Traslochi di società dalla realtà diretta alla virtualità della network society”, (Armando Editore, 2014). Ha diretto ricerche su migrazioni globali, lavoro e diritti umani, tra cui 'Partirono bastimenti, ritornarono barconi. Napoli e la Campania tra emigrazione ed immigrazione' (Caritas Diocesana Napoli, 2013 con G. Trani), ed in particolare “Bodies That Democracy Expels. The Other and the Stranger to “Bridge and Door”. Theory of Sovereignty, Bio-Politics and Weak Areas of Global Bίos. Human or Subjective Rights?” (“Cambridge Scholar Publishing”, England 2013). Nella tragica desiderante società dello spettacolo scrive per non dubitare troppo di se stesso, fidarsi un poco più degli altri e confidare nelle sue virtuose imperfezioni. Sollecitato, ha pubblicato la raccolta di poesie Verba Mundi, Edizioni Divinafollia, Bergamo. È Vice Presidente e Direttore Scientifico dell’Associazione Onlus MUNI, Movimento Unione Nazionale Interetnica.

USA, una democrazia in evidente crisi di nervi Prodomo di una possibile guerra civile e di sangue che scorrerà, è una terribile previsione, per non accettare un verdetto parzialmente democratico
di

La responsabilità è del repubblicano che, come tutti quelli di destra, come in Italia da anni in tv, interrompe, non fa finire una frase, dà sulla voce, spara iperbole, è violento nella mimica, postura, comportamenti non verbali. Ma soprattutto nelle parole, quelle di un incendiario.

Prometeo si vergogna: uomini dipendenti dai robot Civiltà delle macchine 1. Siamo ancora umani, quanto, come, in che senso? Soprattutto alla luce, o all’oscuro procurato da un entità biologica chiamata virus che esiste ed agisce in natura e con cui sta cercando di fare i conti il mondo intero
di

Pensiero lento vs velocità elettronica Prolegomeni Un tema sociale epocale di questo secolo concerne la descrizione dei mutamenti sociali strutturali del mondo occidentale, estesi e rielaborati…

Il ragno, il letto e la fiducia: i meccanismi dell’interazione sociale Quale arcano fa sì che un ‘ragno’ ed un ‘letto’ abbiano qualcosa da condividere con la fiducia, risorsa sociale indifferibile perché gli umani riescano a convivere ed a costruire società?
di

Pensiero lento vs velocità elettronica I can’t breathe (sussurrava il cittadino americano ma di pelle nera George Floyd al poliziotto squadrista che lo ha ucciso volontariamente…