Autore Massimo Conte Schächter

PhD Sociologo, scrittore per elezione e ricercatore per vocazione, inquiete persone ancora senza eteronimi di Pessoa. Curioso migrante di mondi, tra cui Napoli, Vienna, New York. Ha percorso solo per breve tempo l’Università, così da preservarlo da mediocrità ed ipocrisie, in un agone dove fidarsi è pericoloso. Tra decine di pubblicazioni in italiano ed in lingua si segnala l’unica ricerca sociologica al mondo sull’impianto siderurgico di Bagnoli, Conte M. et alii, 1990, L’acciaio dei caschi gialli. Lavoro, conflitto, modelli culturali: il caso Italsider di Bagnoli, Franco Angeli, Milano, Pref. A. Touraine. Ha diretto con Unione Europea e Ministero Pari Opportunità le prime indagini sulle violenze contro le donne, Violenza contro le donne, (Napoli 2001); Oltre il silenzio. La voce delle donne (Caserta 2005). Ha pubblicato un’originale trilogia “Sociologia della fiducia. Il giuramento del legame sociale” (ESI, 2009); “Fiducia 2.0 Legami sociali nella modernità e postmodernità” (Giannini Editore, 2012); “Fiducia e Tradimento. In web we trust Traslochi di società dalla realtà diretta alla virtualità della network society”, (Armando Editore, 2014). Ha diretto ricerche su migrazioni globali, lavoro e diritti umani, tra cui 'Partirono bastimenti, ritornarono barconi. Napoli e la Campania tra emigrazione ed immigrazione' (Caritas Diocesana Napoli, 2013 con G. Trani), ed in particolare “Bodies That Democracy Expels. The Other and the Stranger to “Bridge and Door”. Theory of Sovereignty, Bio-Politics and Weak Areas of Global Bίos. Human or Subjective Rights?” (“Cambridge Scholar Publishing”, England 2013). Nella tragica desiderante società dello spettacolo scrive per non dubitare troppo di se stesso, fidarsi un poco più degli altri e confidare nelle sue virtuose imperfezioni. Sollecitato, ha pubblicato la raccolta di poesie Verba Mundi, Edizioni Divinafollia, Bergamo. È Vice Presidente e Direttore Scientifico dell’Associazione Onlus MUNI, Movimento Unione Nazionale Interetnica.

I diritti dei lavoratori ed il capitalismo feudale delle piattaforme digitali Una sentenza ufficializza che, con i riders, non ci si trova di fronte a lavoratori occasionali, ma ad umani con titolarità giuridica, inseriti a tutto tondo nell’organizzazione d’impresa. Ma la lotta continua ...
di

In quest’epoca in cui ogni immagine della società viene rifratta istantaneamente dalla società dell’immagine in un ‘evento’ in cui ogni emozione diviene falsamente ‘unica e storica’, cosicché tutto…

Prometeo si vergogna: uomini mortali e robot immortali Il paradosso di cui è composta l’epoca storica attuale: non sappiamo da soli dare forma alla complessità, nel mentre siamo quelli che progettano macchine che conformano e delineano nuove forme di complessità
di

Pensiero lento vs velocità elettronica Ci disponiamo dinanzi agli svariati progressi della tecnologia che avanzano nell’ultimo secolo con uno stupore infantile verso uno sviluppo della tecnica…

2021: un altro anno per capire la vita La vita, con le sue vittorie e sconfitte utili solo se siamo in grado di capire, imparare da errori e lodi. L’una senza l’altra priva di rispecchiamento sortirà un effetto di cecità, di sé e per gli altri
di

Chi vince sempre, quando perde sorpreso dall’improvvisa defaillance cade prima e male. Chi, al contrario, malconcio saggia il gusto amaro della sconfitta, cadendo attutisce l’urto attribuendone…