Autore Margherita Peracchino

Post – Coronavirus: il mondo andrà esattamente come prima Come sarà il mondo del post - COVID-19? Serve la capacità di allungare il nostro sguardo all’orizzonte. Ross Feingold ci racconta cosa pensa dell’ipotesi del ‘nulla sarà più come prima’
di

“Le persone ritornano rapidamente alle loro vecchie abitudini. La resistenza ai cambiamenti permanenti sarà forte anche dopo aver risolto il peggio della crisi COVID-19”. Forse una nuova OMS Made in USA

Genocidio in Libia, oggi come ieri ‘Genocidio in Libia’ è arrivato alla sua terza edizione. Obiettivo: raccontare una pagina di storia che è ancora cronaca. L’autore, Eric Salerno, ci racconta quel che non si vuole che si capisca
di

“Molti documenti sono ancora nascosti o sono messi in cartelle con intestazioni che nascondono il loro reale contenuto o sono stati distrutti, distrutti anche di recente. C’era chi non voleva che si vedesse o capisse”, come anche oggi c’è chi non vuole che si capisca, malgrado si sappia

Ministro Fioramonti, un po’ di jogging al cervello, please! Battute tra l’ovvio, l’azzardato, e la propaganda dei temi classici dei M5S da un Ministro che invece di occuparsi di istruzione prova fare la politica energetica
di

Ridicolo lui, ma, peggio, contribuisce a dare del Governo l’idea di una banda di arruffoni mattacchioni dove tutti si occupano di tutto perché competenti in niente, capaci di nulla, irresponsabili allo sbando, che giocano con i piani industriali di una società energetica di Stato

Libia, petrolio e Saif Al-Islam Gheddafi, lui è la nuova era mediorientale Con Michele Marsiglia, Presidente di FederPetroli Italia, proviamo a capire il messaggio contenuto nell’endorsement di Haftar in favore del figlio del rais, ma anche gli equilibrii che si stanno riorganizzando in Libia
di

Haftar in questo momento è diplomatico,Questo ragazzo, che spero di poter incontrare quanto prima, sa come funziona la Libia e le Autorità politiche ed economiche di Governo. Sto attendendo un via per partire per Tripoli, dove aziende italiane e maltesi si confronteranno per decidere i prossimi investimenti in Libia

Attacco alle raffinerie: un segnale ‘molto mediorientale’ “Saudi Aramco, un passaggio che dovrebbe far ragionare tutti su questo attacco, forse una quotazione che nessuno vuole, un bucare le ruote prima ancora di partire”. Così Michele Marsiglia, Presidente FederPetroli Italia, sul ‘che c’è dentro’ l’attacco
di

“Un air-strike viene individuato subito e decifrato in ogni sua parte, gli Usa sembrano giocare alle tre carte, forse è stato l’Iran, forse lo Yemen o forse l’Iraq, agli occhi di alcune diplomazie internazionali il tutto è ridicolo”

1 2 3 357