Autore Jeta Gamerro

Opec a rischio di morte? Il petrolio è di chi lo ha, non di chi lo gestisce! L’Opec come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi a rischio di morte, o forse la sua morte è già stata sancita con l’affermazione di OpecPlus. Ne parliamo con Michele Marsiglia, Presidente di FederPetroli
di

“Chi meglio riuscirà a gestire gli accordi commerciali One to One farà profitto”, “Se l’Opec chiude i battenti oggi, i produttori di champagne anche in Medio Oriente avrebbero un aumento di fatturato. Ogni Paese Membro sarà libero di gestire le proprie politiche petrolifere, tradotto in dollari sono cifre difficili da pronunciare e stabilire”.

L’Iran ‘non è come gli altri’, e si scrolla di dosso le sanzioni Teheran dichiara aumentate le esportazioni di petrolio, e da domani aumenterà il ritmo del processo di arricchimento dell'uranio, mentre detta le condizioni per un negoziato con gli USA
di

Il G-20 potrebbe essere l’ultima occasione per l’Europa di recuperare un rapporto autenticamente costruttivo con l’Iran, visto che la loro incapacità di far rispettare gli accordi agli americani ha fatto si che gli iraniani non prendano più sul serio gli europei

Iran – USA: guerra sì, ma di logoramento, per il momento Le sanzioni americane all’Iran alla base dell’escalation tra Teheran e Washington, e ora gli USA vorrebbero rafforzarle colpendo gas e il meccanismo finanziario europeo INSTEX
di

Il duro programma di sanzioni in atto avevano in obiettivo, indebolendo l’economia e di riflesso le capacità militari dell’Iran, la riduzione del programma nucleare iraniano e l’inversione del comportamento ‘assertivo’ dell’Iran in Medio Oriente. Hanno finora avuto l’effetto opposto

Navi nel Golfo dell’Oman: la Sarajevo del futuro conflitto offshore? Il Golfo di Oman, che conduce allo stretto di Hormuz, il Bab El Mandab ora sembra un teatro di guerra possibile: lo dicono gli analisti americani e operatori europei come Michele Marsiglia di FederPetroli Italia
di

Si consideri che le sponde dello stretto di Bab El Mandab sono Gibuti e Yemen: a Gibuti sono presenti le basi militari di Stati Uniti, Francia, Giappone, Cina, Arabia Saudita, Italia; nello Yemen è in corso una delle guerre più sporche di questi anni, che vede coinvolte Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Iran

USA – Cina: è guerra tecnologica! Una guerra fredda tecnologica tra Stati Uniti e Cina che, di fatto, investe tutto il mondo si sta combattendo, solo in parte davanti ai nostri occhi. Ne parliamo con il consulente politico Ross Feingold
di

“I governi, sia di sinistra sia di destra, e nelle democrazie come nei Paesi autoritari, sono desiderosi, piuttosto che riluttanti, di utilizzare tecnologie che facilitino il facile monitoraggio dei propri cittadini o degli stranieri”

1 2 3 11