Autore Jeta Gamerro

USA – Cina: è guerra tecnologica! Una guerra fredda tecnologica tra Stati Uniti e Cina che, di fatto, investe tutto il mondo si sta combattendo, solo in parte davanti ai nostri occhi. Ne parliamo con il consulente politico Ross Feingold
di

“I governi, sia di sinistra sia di destra, e nelle democrazie come nei Paesi autoritari, sono desiderosi, piuttosto che riluttanti, di utilizzare tecnologie che facilitino il facile monitoraggio dei propri cittadini o degli stranieri”

Migranti, rifugiati: Italia già fuori legge Il caso Sea Watch, i rilievi dell’ONU, la sentenza della Corte UE non sono altro che conferme del fatto che le politiche italiane in materia di rifugiati sono già in contrasto con gli obblighi di legge interni e internazionali. Ne parliamo con Sergio Marchisio
di

I “principi ribaditi dalla sentenza della Corte ostano all’attuazione di una politica di respingimenti e rimpatri che violi il principio del non refoulement” , “l’Italia è già da considerare ‘fuori legge’ per la sua politica dei respingimenti di richiedenti asilo e per l’abrogazione del permesso umanitario”

Usa – Cina: valute e materie prime nella guerra commerciale? Mentre la guerra commerciale è in stallo, si guarda alla possibilità che lo scontro si sposti sulle valute e sulle materie prime, ne parliamo con l’analista Ross Feingold
di

“Per gli Stati Uniti, la perdita di accesso ai minerali delle terre rare sarebbe una grande minaccia per l’industria statunitense e la sicurezza nazionale. Questo problema da solo potrebbe far tornare gli USA al tavolo negoziale”

India: quando la diaspora fa la differenza I 13 milioni di indiani residenti all’estero con diritto di voto sono l’elemento che caratterizza le elezioni indiane; per la gran parte sono pro-Modi, ma l’opposizione cresce
di

Fanno propaganda sia nei Paesi di residenza che tornando in patria, raccolgono fondi per i partiti, e oramai la voce della diaspora è diventa molto importante perché modella l’opinione pubblica e dunque l’immagine dell’India all’estero

Dalla Libia al Sudan, petrolio e politica: ‘i regimi militari in alcuni Paesi sono i migliori’ “La preoccupazione più grande è quella di alcune dichiarazioni di esponenti politici italiani che si improvvisano esperti di politica estera senza sapere di cosa parlano”, sostiene il Presidente di FederPetroli Italia, Michele Marsiglia
di

“Medio Oriente è sotto attacco da più fronti. Dopo la Libia si punta sull’Iran. Gli Stati Uniti hanno sanzionato i Paesi per loro più strategici e li obbligano ad acquistare greggio e materie prime da altri”

1 2 3 10