sabato, Agosto 24

Autore Emanuele Cuda

Elezioni Gran Bretagna: sfida dall’esito scontato?
di

Il rifiuto della May di confrontarsi con il suo avversario in un dibattito tv lascia sospettare la debolezza nel farsi difensore della sua visione politica. Di contro Corbyn sembra l’artefice della rimonta del suo partito con uno stile che, nonostante la retorica populista, pare premiarlo

Il G7 di Taormina e Donald Trump
di

Quello a cui stiamo assistendo, è un ammorbidimento inevitabile della posizione del presidente americano. Posizione che potrebbe rimanere rigida, ma a quale prezzo?

La NATO secondo Donald Trump
di

‘Lui sta facendo un gran rumore sull’impegno finanziario dei singoli Paesi. Potrà portare qualche aggiustamento, ma Paesi come l’Italia o come la Germania non ci arriveranno mai. Ma bisognerebbe considerare tutto, anche lo sforzo logistico, lo sforzo operativo e la disponibilità di uomini e mezzi’

Donald Trump e Papa Francesco, tra politica e religione
di

‘Trump si presenta con 100 miliardi di dollari di armi sottoscritti con l’Arabia Saudita. Quindi quello di domani è come un dialogo fra sordi. Sono troppo diversi. Incarnano due masse geopolitiche che sono venute allo scontro e che sono la globalizzazione e la de-globalizzazione. Punti di contatto? Impossibili’

Iran: Rouhani vince la sfida elettorale
di

“Le dichiarazioni anti-iraniane fatte ieri da Trump e il fatto stesso di aver scelto Arabia Saudita ed Israele come destinazioni del suo primo viaggio all’ estero lanciano un chiaro messaggio all’Iran”.

Cina: la nuova via della diplomazia
di

Gentiloni: ‘Dal vertice è arrivato un messaggio controcorrente. Tutto da verificare, ma che dimostra come una parte del pianeta che si è riunita intorno all’idea della Via della Seta, punti al superamento delle barriere’

Francia: Macron conquista l’Eliseo
di

“Macron è un prodotto dell’elite, dell’establishment francese, ma che ha rotto la dialettica politica destra-sinistra, attraverso un movimento che non è un partito”, Le Pen? “Batosta nettissima”

Arabia Saudita, decisore sempre più globale?
di

Il rinnovato dinamismo economico-commerciale, culturale e diplomatico potrebbe far acquisire all’Arabia Saudita un nuovo status di decisore sempre più globale, in grado di intervenire e influenzare le dinamiche extra-regionali sempre più interconnesse con lo scenario mediorientale e internazionale”