Autore Andrea Battistone

Riyad, si dimette il Premier del Libano: cosa c’è dietro? L'analisi di Matteo Bressan, analista presso NATO Defense College Foundation, e Annalisa Perteghella, analista presso ISPI, sugli scenari aperi dai recenti eventi in Libano
di

Le dimissioni del Primo Ministro libanese rischiano di aprire una nuova crisi, legata tanto alle dinamiche interne di un Governo formatosi appena un anno fa da un difficile compromesso fra le parti politiche, quanto al delicato contesto internazionale, con un nuovo capitolo della guerra per procura fra Arabia Saudita e Iran

Fra diplomazia e moral suasion: il Vaticano in campo per il disarmo nucleare Le analisi del Monsignor Silvano Maria Tomasi e del Professor Paolo Antonio Valvo sul ruolo della Santa Sede nel processo di disarmo nucleare
di

Una tradizione diplomatica consolidata e un forte potere di moral suasion consentono alla Santa Sede di rivestire un ruolo da protagonista nella partita. Un cammino certamente non facile, come dimostrato anche dalla delicata questione nordcoreana

Dalla Brexit allo scandalo molestie: ecco cosa (o chi) potrebbe far cadere Theresa May L'analisi di Lorenzo Colantoni, analista presso IAI, sullo stallo e l'incertezza che domina la Gran Bretagna
di

Lo scandalo che coinvolge parlamentari e ministri Tories e lo stallo sulle trattative per la Brexit mina la credibilità della leadership del Primo Ministro. Priva di empatia in patria e remissiva in Europa, la premier si trova ad affrontare sfide incerte per la propria sopravvivenza politica

Arabia Saudita e la sfida all’estremismo: svolta moderata o solo strategia? L'analisi dell'ex Ambasciatore italiano in Arabia Saudita Mario Boffo e dell'analista de l'Ispi Giuseppe Dentice
di

Un Paese impegnato a ripulire la propria immagine di fronte all’Occidente e a ridurre lo strapotere della gerarchia religiosa che ha sempre limitato l’evoluzione del Paese. Una mossa al contempo strategica e tattica che chiama in causa anche il ruolo dell’Italia nella regione

Macri vince ancora: il futuro dell’Argentina fra riforme e declino del peronismo L'analisi del Professor Francesco Davide Ragno dell'Università di Bologna sugli scenari aperti dalle elezioni argentine
di

Il fronte peronista, grande sconfitto di queste elezioni, potrebbe decidere di appoggiare parte delle riforme governative per tentare di mantenere il potere. Mentre il presidente potrà puntare sul dialogo con i peronisti moderati per accelerare il cammino riformista

Abe mantiene la maggioranza: più vicino il riarmo del Giappone L'analisi di Lorenzo Mariani (IAI) sulla riforma costituzionale giapponese e le sue possibili conseguenze
di

La schiacciante vittoria alle legislative permette al primo Ministro di riformare la Costituzione per abbandonare il pacifismo e porre in essere un vero riarmo del Paese. Le incognite interne e le possibili ricadute della riforma sul piano internazionale contribuiscono all’incertezza dello scenario

Giappone al voto: Abe verso la riconferma, ma con quale maggioranza? Sulle ragioni del voto e sugli scenari che potrebbe aprire abbiamo sentito il professor Axel Berkofsky, Senior Associate Research Fellow presso l'ISPI
di

La ripresa economica, la frammentazione delle opposizioni e la necessità di allontanare lo spettro del clientelismo fra le ragioni del voto. E all’orizzonte la possibilità di superare il principio pacifista e rendere il Giappone una potenza militare a tutti gli effetti

Austria: con Kurz sempre più vicino al gruppo Visegrad Il commento di Matteo Villa, ricercatore presso l’Istituto di Studi Politici Internazionali (ISPI)
di

Uno scenario dall’esito imprevedibile quello delle ultime elezioni, che porta il Paese sempre più accanto al club composto da chi, pur facendo parte della UE, ne critica alcuni dei principi fondamentali proclamando la necessità di una chiusura totale delle frontiere e un irrigidimento delle politiche migratorie