lunedì, Settembre 28

Australia: scoperte 11mila piante di cannabis Il valore sarebbe di 45 milioni di dollari.  

0

Circa 11.000 piante di cannabis, da pochi centimetri a quasi un metro e mezzo di altezza, sono state scoperte grazie ad un’operazione di contrasto all’ illegalità nel Queensland, nei pressi di Esk, a nord-ovest di Brisbane. Il valore della cannabis sequestrata da tre proprietà a Coominya, Mount Hallen e Churchable sarebbe di 45 milioni di dollari.  Sequestrati, inoltre, i kit di fertilizzanti e arrestate le due persone sospettate di occuparsi della coltivazione illegale. 

Verso la fine di ottobre dello scorso anno, era divenuto legale in Australia coltivare la marijuana, ma solo con licenza e per uso medicinale. Questo grazie alla Narcotic Drugs Amendement Act 2016, che dava alle aziende la possibilità di richiedere la licenza per la coltivazione della cannabis o per la produzione di derivati della pianta per scopi medicinali di ricerca. Chi fa domanda di licenza deve affrontare dei test di sicurezza.

«La nuova normativa dà ai pazienti e ai medici accesso a una fonte sicura, affidabile e legale di cannabis per uso medicinale» aveva detto la ministra della Sanità Sussan Ley, ricordando che «finora è stato difficile per i pazienti avere accesso a prodotti di cannabis medicinale da fonti all’estero. Ora vi sarà accesso a prodotti di cannabis medicinale di produzione domestica, che non sarebbero prontamente disponibili dall’importazione».

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore