martedì, Agosto 4

Australia, ecco il primo matrimonio gay Il 7 dicembre scorso il parlamento, con un’ampia maggioranza, ha riconosciuto i matrimoni tra persone dello stesso sesso

0

Il 7 dicembre scorso in Australia il parlamento, con un’ampia maggioranza, ha riconosciuto i matrimoni tra persone dello stesso sesso. La legge ha cambiato la definizione del matrimonio: da unione tra uomo e donna si è passati a «l’unione tra due persone».

Solo cinque deputati hanno votato contro. La legge fa seguito al referendum, che impegnava il Parlamento a varare il testo, segnato da una partecipazione del 79,3%, eccezionale per una votazione volontaria, nella quale ha detto Sì alle unioni gay il 61,6%, pari a 7,8 milioni di australiani, contro il 38,4% dei no (4,9 milioni).

Ieri la prima celebrazione. A convolare a nozze Amy Laker, 29 anni, e Lauren Price, 31 anni, che si sono sposate legalmente a Sydney, diventando la prima coppia gay a farlo dopo il voto. Inizialmente avevano pianificato di avere un’unione civile, ma è stata concessa una speciale esenzione. Di solito le coppie devono dare un preavviso di un mese, ma è stato dato il via libera perché la famiglia di Lauren era già in viaggio per l’Australia dal Galles per la cerimonia che avevano inizialmente programmato. E ora, sotto nuove leggi, la loro unione storica è giuridicamente vincolante.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.