lunedì, Settembre 28

Australia, ecco i primi matrimoni gay La maggior parte delle coppie ha organizzato il proprio matrimonio alla mezzanotte del primo giorno disponibile

0

Ieri, martedì 9 gennaio, in Australia si sono celebrati i primi matrimoni tra persone dello stesso sesso. Nonostante alcune cerimonie si siano svolte con anticipo grazie a dispense speciali, la maggior parte delle coppie ha organizzato il proprio matrimonio alla mezzanotte del primo giorno disponibile.

Tra le prime coppie che si sono unite in matrimonio c’è quella composta da Ron van Houwelingen e Antony McManus, due uomini che si sono conosciuti trent’anni fa mentre studiavano arti dello spettacolo a Melbourne. Entrambi hanno militato in Equal Love, gruppo per i diritti delle persone LGBT. Poi quello tra i due atleti Luke Sullivan e Craig Burns.

In Australia avere rapporti sessuali omosessuali è legale solo dal 1994 e il matrimonio gay era proibito dal 2004, quando l’allora primo ministro conservatore John Howard fece modificare una legge del 1961 sul matrimonio correggendo la sua formulazione generica e autorizzando solo le unioni tra coppie eterosessuali. Ma il Parlamento federale dell’Australia ha approvato la legge che legalizza i matrimoni tra persone dello stesso sesso lo scorso 7 dicembre.

(video tratto dal canale Youtube di France 24)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.