mercoledì, Agosto 12

Australia: coronavirus, via di uscita vicina? L’epidemia viene contenuta e il governo lavora per riaprire velocemente le attività

0

Finora in Australia, il coronavirus è stato contenuto, il numero dei casi limitato. Ciononostante, questa Pasqua milioni di australiani vedono davanti a sé poche cose ma incerte, poiché si preoccupano della loro salute, del loro lavoro o della loro mancanza, delle loro attività.

La paura economica – afferma Michelle Grattan dell’ University of Canberra – rimane inevitabilmente elevata: ieri il Parlamento ha approvato il pacchetto di sussidi salariali del governo da 130 miliardi di dollari. Siamo solo alle restrizioni, ma già il dibattito si sta intensificando su come e quando saranno finite.

Quando il ministro della Sanità Greg Hunt afferma che “questo per molti versi è il fine settimana più importante che possiamo affrontare nell’intero corso del virus”, è probabilmente solo un’esagerazione minore.

La ricerca di una via di uscita è al primo posto nella mente del Primo Ministro Scott Morrison . Il Chief Medical Officer Brendan Murphy afferma: “Siamo su una zattera di salvataggio. Ora dobbiamo tracciare il percorso di dove prendiamo quella zattera di salvataggio. ” Il gabinetto nazionale ha chiesto ai suoi esperti di salute consigli.

La risposta rilasciata dal governo non ha fornito molta chiarezza. Al momento, sostiene l’esperta dell’University of Canberra, lo scopo è ‘sopprimere’ il virus – isolare i casi, rintracciare i contatti. Morrison ritiene che sarebbe troppo costoso mirare ad eliminare COVID-19.

Quindi la scelta futura è tra il tentativo di contenimento continuo fino a quando non ci sarà un vaccino – una grande operazione nel test e nella ricerca – o il perseguimento di una qualche forma di ‘immunità del gregge’ .

Alla domanda giovedì se fosse possibile, quando sleghiamo le varie restrizioni, perseguire contemporaneamente una politica di riduzione del contagio, il vicecapo Nick Coatsworth ha dichiarato: “È del tutto possibile e quello dovrebbe essere l’obiettivo … La strada deve essere sostenibile a medio termine mentre elaboriamo cose come quando un vaccino diventa disponibile, mentre portiamo online nuove molecole per poter curare il virus “.

Ciò che è importante mentre si avvia la discussione sull’eliminazione di alcune restrizioni è la trasparenza sui consigli sulla salute. “Stiamo agendo su consiglio medico”, ha detto il governo , per giustificare questa o quella misura. Ma il consiglio sanitario ufficiale a volte è apparso meno che coerente, ed è stato criticato da alcuni esperti.

Morrison potrebbe ridurre le restrizioni di allentamento, prima nei luoghi in cui e quando sembra più sicuro farlo. Quei posti sarebbero in effetti prove per altrove.

Questo è logico ma non sarà facile. Se combinati con il proseguimento della politica di riduzione del contagio, dice Grattan, i governi devono essere disposti a ricomporre i controlli se il numero dei casi aumenta nuovamente.

E dovrebbero essere predisposti rigorosi protocolli sanitari per il modo in cui le aziende e le organizzazioni gestiscono casi nuovi.

Una sfida attuale è gestire le pressioni delle parti interessate e della comunità per un calendario di allentamento. Innes Willox, capo dell’Australian Industry Group, ha scritto questa settimana in Australia: “abbiamo bisogno di un percorso per far ripartire l’economia. … I proprietari delle imprese e i loro sostenitori cambieranno rapidamente direzione, ne faranno altri accordi o andare avanti se non hanno qualche speranza o senso che le attuali restrizioni non siano illimitate.”

Anthony Albanese è diventato più esplicito e questa settimana il Senato ha istituito un comitato presieduto dai laburisti per esaminare la risposta del governo alla pandemia.

Nell’attuale calendario, il parlamento non dovrebbe riunirsi di nuovo fino ad agosto. Morrison afferma che tutti coloro che hanno un lavoro sono lavoratori essenziali. E questo dovrebbero farlo anche i parlamentari.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore